Pedofilo inglese torturato in fin di vita COMMENTA  

Pedofilo inglese torturato in fin di vita COMMENTA  

Henry Campbell
Pensionato pedofilo fu ridotto in fin di vita da un brutale pestaggio.

Una vicenda di violenza, in tutti i sensi. Pensionato pedofilo inglese picchiato e ridotto in fin di vita, poi condannato per fatti del 2014.

All’epoca, correva l’anno 2014, la vicenda fece scalpore in tutto il Regno Unito. Il pensionato Harry Campbell, originario di Boosbeck (piccolo centro abitato dell’Inghilterra), venne ritrovato in fin di vita a seguito di una furiosa aggressione. Gli vennero riscontrate ferite da arma da taglio, varie fratture e un trauma cerebrale che gli costarono un delicato intervento chirurgico durato oltre 6 ore. Seguì un periodo di coma farmacologico e la successiva riabilitazione.

Leggi anche: Ragazza cacciata dall’hotel perché scambiata per una prostituta


Quello che inizialmente sembrò un mero episodio di violenza inaudita e senza senso, rivelò un retroscena inquietante. Le indagini condotte fecero luce sul passato da pedofilo del pensionato, che a cavallo tra gli ’60 e ’70 esercitò abusi sessuali su diversi minorenni (ragazzi e ragazze). Tra i testimoni un uomo e una donna, all’epoca di 5 e 7 anni, dichiararono di essere stati costretti a osservarlo mentre facevo sesso con la fidanza. Campbell rigettò le accuse, ma a nulla è servito visto la recente condanna per pedofilia.

Leggi anche: Bimbo Down abbandonato: famiglia cerca adozione


Sorta analoga, ma per motivi ovviamente diversi, è toccata all’aggressore: Glyn Sullivan. In questo caso la pena è stata pensatissima, ovvero l’ergastolo. Nell’abitazione dell’aggressore venne ritrovato un coltello incrostato di sangue, quelle che poi si rivelò – dopo le analisi della scientifica – l’arma usata per il pestaggio.

Leggi anche

supvenezia
News

Venezia: surf dal Ponte degli Scalzi per un giapponese. Rischia denuncia

Uno “stravagante personaggio” è stato visto dalla folla tuffarsi dal Ponte degli Scalzi a Venezia domenica 4 dicembre: un giapponese in muta da sub "armato" di pagaia e di una tavola da surf per fare Sup - acronimo dello sport Stand Up Paddle - proprio nel Canal Grande. Il turista ha anche deciso di farsi filmare dagli amici mentre compiva la sua “audace impresa”. L’uomo ora rischia una multa e una denuncia con l’accusa di “attentato alla navigazione” di placide gondole e vaporetti tipici veneziani. Per quanto bizzarro, il gesto del viaggiatore non è insolito in città negli ultimi tempi: pochi giorni fa, dopo qualche mese di coma, Leggi tutto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*