Pedopornografia, Arrestato bancario con 105mila Files COMMENTA  

Pedopornografia, Arrestato bancario con 105mila Files COMMENTA  

La polizia postale del Lazio e quella della sezione di Viterbo hanno arrestato in provincia di Roma un insospettabile bancario 52enne con l’accusa di pedopornografia.


Considerato una sorta di grossista nella Rete, un anonimo impiegato di banca aveva in realtà una collezione di 105mila filmati pedopornografici, dove c’erano anche immagini di neonati.

L’uomo, un romano impiegato di banca romano di 52 anni, sposato ma senza figli,  è stato trovato in possesso di circa 105mila filmati pedopornografici. il materiale era custodito nei suoi due pc e in un centinaio di cd e dvd, con tanto di audio.
Le indagini erano partite nel maggio del 2011, quando l’uomo era stato già perquisito per aver messo in condivisione ed essersi procurato file pedopornografici, con cinque immagini che ritraevano minori in atti sessuali.


Gli inquirenti considerano l’uomo una sorta di grossista. Il sistema attraverso il quale otteneva i file, era il “download” e l'”upload” era il “peer to peer“, sistema che permette di acquisire una maggiore quantità di file man mano che aumentano le immagini e i video condivisi nella propria cartella digitale.

L'articolo prosegue subito dopo


Gli investigatori stanno ora vagliando le migliaia di immagini e tentando di identificare eventuali vittime dei pedofili. I file ritraggono minori soprattutto stranieri.

Leggi anche

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*