Peli incarniti all'inguine: cosa fare in caso di infezione - Notizie.it

Peli incarniti all’inguine: cosa fare in caso di infezione

Donna

Peli incarniti all’inguine: cosa fare in caso di infezione

Peli incarniti all'inguine: cosa fare in caso di infezione
Peli incarniti all'inguine: cosa fare in caso di infezione

Solitamente quando si ha il riscontro di un pelo incarnito sull’inguine e viene trascurato, essa può provocare una infezione. Vediamo come curarle

Se i peli incarniti sull’inguine non vengono trattate o curate in tempo, possono causare una infezione che portano alla formazioni di cisti.

Le cisti infatti sono delle cavità piene di pus quasi liquido e son isolate dal resto del tessuto epidermico.

All’inizio sono delle piccole palline e spariscono da sole in un paio di giorni ma è comunque consigliato rivolgersi al proprio medico per rimuoverla chirurgicamente.

Le zone che spesso subiscono trattamenti estetici oltre alle gambe eed ascelle, è anche l’inguine.

Molti sono i metodi per eliminare i peli antiestetici come la rasatura, ceretta al caldo, depilazione elettrica.

Ognuno di questi metodi purtroppo causano la formazione dei peli incarniti e se vengono poi rimosse in modo errato, causano solo danni al follicolo, generando così la ciste.

La ciste si forma quindi a distanza di una settimana massima.

Se notate questa piccola anomalia durante la depilazione, non toccate l’area con le mani e rivolgersi al medico per una adeguata cura.

Se sono presenti delle infiammazioni, vi verrà prescritto un farmaco a base di idro-cortisone o steroidi o antibiotici. Questo tipo di cura aiuta per chi deve affrontare una rimozione della ciste in modo chirurgico.

Se il problema è piccolo, è possibile utilizzare un rimedio naturale per la sua guarigione e nel ridurre la quantità del danno subito.

Fare degli impacchi caldi con acqua e camomilla per drenare la ciste è diminuire l’infiammazione prima di fare la doccia.

Per disinfettare l’area della ciste, usare il tee tree oil, tintura madre di calendula oppure l’argento colloidale.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche