Pembrolizumab, l’anticorpo anti-PD-1 di MSD, è sottoposto a revisione normativa in Europa per il trattamento del melanoma in stadio avanzato COMMENTA  

Pembrolizumab, l’anticorpo anti-PD-1 di MSD, è sottoposto a revisione normativa in Europa per il trattamento del melanoma in stadio avanzato COMMENTA  

melanoma

MSD, azienda farmaceutica nota come Merck (NYSE:MRK) negli Stati Uniti e in Canada, ha annunciato in data odierna la risposta favorevole dell’Agenzia europea per i medicinali (EMA) a considerere la domanda di autorizzazione presentata dall’azienda per l’immmissione in commercio di pembrolizumab (MK-3475). Si tratta dell’anticorpo anti-PD-1 in fase di sperimentazione dell’azienda ideato per il trattamento del melanoma in stadio avanzato. Se approvato dalla Commissione europea (CE), pembrolizumab potrebbe diventare la prima terapia anti-PD-1 in Europa. Si prevedono uteriori procedure di autorizzazione al di fuori dell’Europa entro la fine del 2014.

Leggi anche: Il nuotatore Mack Horton salvato da un fan attento


“Con un tasso di sopravvivenza di cinque anni raggiunto in meno del 20 percento dei casi dai pazienti affetti da melanoma in stadio avanzato, è necesario poter offrire ai pazienti delle alternative”, ha commentato il dott. Roy Baynes, vicepresidente senior, dipartimento Sviluppo clinico presso Merck Research Laboratories. “Siamo lieti che la nostra domanda di autorizzazione sia attualmente in esame negli Stati Uniti e in Europa; il nostro obiettivo è quello di poter offrire Pembrolizumab ai pazienti di tutto il mondo”.


“Attendiamo con interesse di lavorare con le autorità locali, in attesa dei risultati della domanda di autorizzazione per Pembrolizumab; auspichiamo di poter offrire questa nuova terapia in Europa per i pazienti affetti da melanoma in stadio avanzato”, ha commentato Deepak Khanna, vicepresidente senior e direttore di Merck Oncology in Europa.


Il melanoma è la forma più grave di tumore della pelle, posizionandosi al 19° posto come causa più comune di decesso da tumore in Europa. Si stima che nel 2012 ci siano stati 22.000 decessi da melanoma maligno in Europa e 232.000 nuovi casi di melanoma in tutto il mondo.

Leggi anche

larry smith parkinson
Salute

Parkinson: malato prova la marijuana terapia. Un miracolo

La marijuana come terapia di alcune patologie. Emerge dai più rispettabili studi che il Thc,  il principio attivo delle foglie di cannabis,  rallenta o  arresta la progressione del Parkinson.   Un tipo di grave patologia che, lo ricordiamo, ancora non ha una cura efficace. La cannabis è una pianta davvero miracolosa creata da madre natura. Una serie di video mostra l'effetto straordinario della marijuana sul Parkinson. Un uomo uomo,  con il valido aiuto di un collega, prova la  marijuana medica per la prima volta. Con solo qualche goccia di olio di cannabis posizionata sotto la lingua, Larry che soffre di gravi Leggi tutto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*