Penda e il genio dell’isola

Teatro

Penda e il genio dell’isola

torino2

Apre la rassegna per bambini La Bottega delle Storie

Dopo il successo della scorsa edizione si rinnova l’appuntamento con la rassegna di spettacoli pensata per i genitori che desiderano condividere con i propri figli l’esperienza di andare a teatro. Organizzata in collaborazione con Tita Giunta, “La Bottega delle Storie” prende il via domenica 23 novembre alle 16:30 con “Penda e il genio dell’isola”, spettacolo che mette in scena un’affascinante fiaba della cultura africana e dove i più piccolini saranno coinvolti direttamente sul palcoscenico del Teatro Cardinal Massaia di Torino.

Tutte le notti di luna piena, il genio dell’isola di Capo Verde invoca uno spirito affinché racconti a tutti la sua storia. Tanto tempo fa, lo spirito era una ragazza molto carina, Penda, che aveva un difetto: una piccola gobba da lei disprezzata. Penda era sposata con un uomo molto buono, Sembene, che aveva anche una seconda moglie, Keny, anche lei con una gobba ma con un carattere buono e allegro.

Penda era invidiosa di tutte le donne dritte e non appena scoprì che Keny si era liberata della sua gobba grazie all’aiuto di uno spirito dell’isola, volle imitare la sua sorte, ma le cose non andarono come si aspettava… Cast: Tita Giunta ed Elisa Alberghini.

Lo spettacolo si fonda sul genere narrativo della fiaba: questa aiuta il bambino a crescere, a sviluppare l’immaginazione, soprattutto nei momenti di interazione previsti dalla performance, durante i quali il bambino giocherà insieme agli attori, si trasferirà nel loro mondo magico e si trasformerà in personaggio.

Infine non dimentichiamo la presenza della musica in grado di creare atmosfere magiche e della danza aerea: una ballerina, interprete del genio dell’isola nella quale si svolge la vicenda, ci aiuterà ad apprezzare ulteriori aspetti dell’affascinante cultura africana. Il pomeriggio sarà, inoltre, arricchito da una golosissima merenda offerta a tutti i bambini dalla Bottega Golosa Spes.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

Loading...