Pensavo che questi fossero normali dipinti…ma poi ho visto da vicino. Sono senza parole!

Cultura

Pensavo che questi fossero normali dipinti…ma poi ho visto da vicino. Sono senza parole!

Ecco alcune immagini sporche su internet per cui non vi caccerete nei guai per averle guardate. Scott Wade è stato chiamato il “da Vinci della polvere” perché usa automobili sporche ed impolverate come tele.

I suoi lavori sono stati visti in televisione in più di 20 paesi, in riviste e giornali di tutto il mondo.

Scott ha vissuto in una strada sporca nel Texas centrale per più di 20 anni, così le auto erano sempre coperte di polvere. Ha trascorso molto tempo scarabocchiando su di esse. Suo padre era un vignettista dilettante e ha influenzato Scott, visto che la sua tendenza naturale era disegnare facce divertenti. Un giorno mentre stava masticando un bastoncino da ghiacciolo, ha notato come alla fine di esso ci fossero delle piume e gli venne l’idea di usarlo come strumento. A Scott piaceva l’effetto che faceva, così ha tirato fuori tutti i suoi pennelli, iniziando ad usare anche essi.

Una cosa porta all’altra e…beh, guardate sotto.

Quando gli è stato chiesto se la pioggia che elimina il suo duro lavoro lo rende triste, Scott ha risposto “Non molto. Qualche volta potrei sentire un po’ di rimpianto, ma è davvero meraviglioso, perché significa che posso fare un altro lavoro! La non permanenza di questa forma d’arte è una delle cose che amo davvero. Da un lato, mi aiuta a non prendere troppo seriamente questo lavoro e a divertirmi con esso. Ma più importante, mi ricorda che tutta la vita è transitoria, che non saremo qui per sempre, e che bisogna godere della bellezza mentre siamo qui.”

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

pena capitale
Cultura

Cruciverba: la pena piu’ severa (8 lettere)

25 luglio 2017 di Notizie

Quando cerchiamo di risolvere un cruciverba spesso ci troviamo di fronte a definizioni di cui non conosciamo la risposta e che dobbiamo andare a “scoprire” incrociando le altre definizioni.
La definizione di oggi è “Qual è la pena più severa di carcerazione?”. La risposta, di otto lettere, è capitale.