PENSIONI E CONTRIBUTI PREVIDENZIALI COMMENTA  

PENSIONI E CONTRIBUTI PREVIDENZIALI COMMENTA  

null Se entro il prossimo 30 giugno i previsti provvedimenti non saranno stati adottati o i ministeri vigilanti hanno
espresso parere negativo, scattano le misure di cui sopra. Ma osserviamo la situazione attuale in tale ambito sotto diversi ordini di grandezza ricavabili dal primo rapporto sulla previdenza privata italiana. Già le precedenti manovre estive, di cui alle leggi 122/2010 e 111/2011 avevano limitato l’autonomia delle
casse di previdenza dei professionisti, attribuendo alla Covip (Commissione di vigilanza sui fondi pensione)
il controllo e la vigilanza sugli investimenti finanziari della casse di previdenza che si occupano delle
pensioni dei professionisti iscritti agli ordini. Peraltro, le casse di previdenza privatizzate hanno il potere
e il dovere di mantenere in equilibrio i sistemi previdenziali che gestiscono e, in tale prospettiva, sono
state munite di autonomia finanziaria, gestionale e contabile, sia per effetto delle richiamate norme istitutive
sia per le disposizioni successive, fra cui l’articolo 3, comma 12, della legge 335/1995 e successive
modifiche.

Leggi anche: Buonolio Salus Festival: ecco le aziende dall’olio più buono

Leggi anche

opec
Economia

Ecco cosa dice il nuovo accordo dell’OPEC

Dopo 8 anni l’OPEC ha trovato un accordo per la riduzione della produzione di petrolio: circa 1,2 mln di barili in meno al giorno. Coinvolta anche Mosca. L’OPEC, l’organizzazione dei Paesi esportatori di petrolio, ha appena siglato un nuovo accordo quadro. E’ la prima volta che accade una cosa del genere da otto anni a questa parte ed è un risultato arrivato al termine di una trattativa molto complessa, che vedeva contrapposti i tre principali produttori mondiali, Arabia Saudita, Iraq e Iran. In più, il nuovo accordo ha coinvolto anche Paesi che dell’OPEC non fanno parte, come la Russia. L’effetto Leggi tutto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*