‘People & The City’ dal 21 ottobre 2011 al 4 dicembre 2011 la collezione Unicredit alla Winzavod di Mosca


PEOPLE AND THE CITY: UN VIAGGIO NELLA VITA MODERNA METROPOLITANA ATTRAVERSO L’ARTE
LA COLLEZIONE DI UNICREDIT A MOSCA
da venerdì 21 ottobre a domenica 4 dicembre 2011
nella Red Hall del Centro di Arte Contemporanea WINZAVOD

In occasione dell’Anno della Cultura e della Lingua italiana in Russia e della Cultura e della Lingua russa in Italia, UniCredit realizza a Mosca la mostra People and the City.

Leggi anche: XI edizione della Giornata del Contemporaneo

People and the City, inaugurata dall’ambasciatore d’Italia a Mosca, Antonio Zanardi Landi, da Dieter Rampl, Presidente del Gruppo UniCredit e da Mikhail Alekseev, Amministratore Delegato di UniCredit Bank Russia, è allestita, da venerdì 21 ottobre a domenica 4 dicembre 2011, nella Red Hall del Centro di Arte Contemporanea WINZAVOD.

Leggi anche: Una Wunderkammer ottocentesca. La collezione di Frederick Stibbert’


Con People and the City Unicredit rende omaggio alla Russia e mette in mostra opere di artisti come Gursky, Tillmans, Marclay, Atget Klemm, Colomer, Blake, Zusman, Yakovlevich Cherkes; è un percorso che mette in luce il rapporto tra le persone e la città a partire dal XX secolo, un’analisi dello spazio urbano come esempio del vivere moderno.

Leggi anche: Wildlife Photographer of the Year a Milano


La mostra è realizzata con oltre 70 opere appartenenti alla ricca collezione d’arte di UniCredit che, come Gruppo internazionale con solide radici italiane e presenza capillare nell’Europa Centro Orientale, partecipa alla valorizzazione del programma dell’anno della cultura italiana nella capitale russa con una selezione del suo patrimonio artistico.

L'articolo prosegue subito dopo

Leggi anche: Wildlife Photographer of the Year a Milano


Esposte in mostra pitture, fotografie e installazioni che riflettono la personale visione della città di alcuni dei più importanti artisti dal ventesimo secolo a oggi: dalle architetture in prospettive non realistiche di Giorgio de Chirico in Piazza D’Italia del 1970 alla fotografia dell’archeologia industriale di periferia immortalata da Gabriele Basilico in Milano del 1981; dai paesaggi architettonici surreali di Giorgio Morandi in Paesaggio del 1925, alla Land Art di Christo che modifica l’architettura delle città imballando palazzi e monumenti come nel progetto Ohne Titel di New York; dai film urbani e visionari di Francesco Jodice in City Tellers a San Paolo e a Dubai, agli scatti di vita di strada Hamburg del 1952 a firma di Henri Cartier – Bresson, il padre del fotogiornalismo.

Leggi anche: VENICE DESIGN WEEK PROPONE “WEARABLE TECHNOLOGY”


Il percorso di visita è suddiviso in cinque sezioni. Si inizia con Dall’alto, in cui la città è rappresentata con una visuale dall’alto, come in aereo al momento dell’arrivo.
Poi è la volta di Vedute in cui la raffigurazione dello spazio urbano segue il percorso dal generale al particolare.
Street Life trasforma lo spazio urbano in un luogo animato, vissuto dalle persone. Home sweet Home sposta l’attenzione dal luogo pubblico al luogo privato. Infine, La Città Immaginaria chiude la mostra con il tema della città ideale

Il progetto è ideato e curato da Walter Guadagnini, Presidente della Commissione Scientifica UniCredit for Art composta da Luca Massimo Barbero, Lorand Hegyi e Angelika Nollert.

HTML hit counter - Quick-counter.net

Leggi anche

52893-image002
Cultura

“Mikhail Koulakov. Il cosmo nel gesto”a Terni

Dal 24 settembre fino al 16 ottobre prossimo si svolge presso Palazzo di Primavera di Terni la mostra dal titolo: "Mikhail Koulakov. Il cosmo nel gesto".  Si tratta di una mostra che mette in evidenza la straordinaria personalità  del rappresentante di spicco dell’avanguardia sovietica del Dopoguerra. La mostra è organizzata dal Centro Studi “Giancarlo De Carlo”, in collaborazione con l’associazione “Cavour Art” con lo straordinario patrocinio dell’Ambasciata di Federazione Russa in Italia, della Regione Umbria  e del Comune di Terni  In mostra, possiamo ammirare una cinquantina di  opere di grandi dimensioni in gran parte inedite e tutte realizzate dagli anni Sessanta  fino alla scomparsa [...]

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*