Per cosa è buono il tè all’ibisco? COMMENTA  

Per cosa è buono il tè all’ibisco? COMMENTA  

Si crede che l’ibisco fosse bevuto dai faraoni egiziani in una bevanda chiamata karkadè. Tradizionalmente, il tè all’ibisco è usato durante i matrimoni in Egitto e in Sudan. Il nome del fiore significa bellezza e grazia, e ha molti benefici quando viene preparato come tè.


Parti usate

I fiori vengono usati per fare il tè. Sono sia rossi o gialli con un centro viola. La pianta è comune in India e in altre regioni tropicali e calde del mondo.


Elettroliti

L’ibisco ha un’alta quantità di elettroliti, che lo rende adatto a reintegrare il corpo dopo lo sport. Gli elettroliti influenzano i muscoli, la quantità d’acqua nel corpo, e i livelli di acidità del sangue.


Pressione sanguigna

Il tè all’ibisco abbassa la pressione del sangue secondo uno studio condotto dalla Tuft University. Alle persone sono state date 3 tazze di tè all’ibisco al giorno durante lo studio.

L'articolo prosegue subito dopo


Vitamina C

La quantità di vitamina C presente lo rende un rimedio efficace contro il raffreddore, l’influenza e la tosse. I petali di rosa sono un’ottima aggiunta all’ibisco a causa della loro vitamina C.

Perdita di peso

Il tè all’ibisco inibisce gli enzimi che rompono gli zuccheri complessi e gli amidi , è quindi un’alternativa sicura per perdere peso. Gli enzimi amilase sono bloccati dall’ibisco, rallenta l’assorbimento dei carboidrati che contribuiscono all’obesità.

Leggi anche

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*