Per La Russa dare del fascista è un complimento COMMENTA  

Per La Russa dare del fascista è un complimento COMMENTA  

Una delle parole più schifose, vomitevoli, aberranti del vocabolario italiano è “fascista”. Non la pensa così un ex ministro della Repubblica Italiana: Ignazio La Russa. Per lui dare del fascista è un complimento, tanto è vero che La Russa, intervistato da “Il Giornale” circa la diatriba Bersani-Grillo ha detto: Dare del fascista a Grillo? “Piano con i complimenti”. A questo punto nella lista dei complimenti mettiamoci anche mafioso, camorrista e assassino. La Russa sembra non aver mai rinnegato le sue simpatie per il “Ventennio”. Certo, questioni di opportunismo, di convenienza, gli hanno consigliato di “abbracciare” la democrazia. Fatto sta che è vergognoso sentire da un ex ministro della Repubblica Democratica Italiana che la parola fascista sia un complimento. Poco cambia se certe affermazioni vengono spacciate per “simpatiche battute”. Non si scherza con i morti e il fascismo ne ha fatti tanti, troppi e chi vi ha aderito e peggio, continua ad aderirvi seppure sotto forme soft, è complice (almeno moralmente) di quei massacri.


Vincenzo Borriello

Leggi anche

1 Commento su Per La Russa dare del fascista è un complimento

  1. Egregio Vincenzo Borriello, quando da ragazzo, molti molti anni addietro, cercavo di esprimere la mia semplice opinione al riguardo di persone scorrette e fatti non proprio edificanti venivo continuamente tacciato di essere "fascista". Vedo che la moda, o se vogliamo il vizio, non sono ancora cambiati. Fa ovviamente comodo a chi cerca di evitare opposizioni o critiche di qualsiasi natura e sostanza. Complimenti per il successo.

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*