Perchè contestare la festa del 2 Giugno - Notizie.it

Perchè contestare la festa del 2 Giugno

Roma

Perchè contestare la festa del 2 Giugno

La federazione di Sinistra ha chiesto al Presidente della Repubblica di cancellare la parata per la festa della Repubblica: in un periodo di crisi come questo è assurdo sottrarre risorse a settori deboli per privilegiare i costi assurdi della sfilata. L’alternativa potrebbe essere quella di far sfilare le scuole che, a seguito dell’attentato di Brindisi, avrebbero cose più importanti da dire. Giovanni Barbera, membro del comitato politico romano del Prc-Federazione di Sinistra e presidente del Consiglio del XVII Municipio spiega le ragioni in una nota :”Invitiamo il Presidente della Repubblica ad accogliere l’appello lanciato da alcune associazioni che, dopo il drammatico attentato di Brindisi, chiedono con forza che a sfilare il 2 Giugno non siano i carri armati e i militari, ma le studentesse e gli studenti delle scuole italiane , con in testa al corteo quelle ragazze della scuola di Brindisi colpita dal vile e “oscuro” attentato che ricorda tanto quelle stragi di stato che hanno caratterizzato la storia della nostra Repubblica.

Un attentato che non a caso colpisce la scuola pubblica, istituzione tra le più penalizzate e tartassate nel nostro Paese in questi anni di tagli pesanti ai servizi pubblici, in quanto rappresenta di per sè il luogo ed il simbolo della crescita dei nostri giovani, del futuro, della tolleranza e della democrazia in un Paese nel quale, invece, gli interessi reazionari, hanno da sempre manovrato per ridurre gli spazi di democrazia e lagalità, tenendo da decenni l’Italia in sacco.Proprio per tutto ciò, chiediamo che siano i nostri studenti e la scuola pubblica i veri protagonisti della festa della nostra Repubblica,il prossimo 2 Giugno” Ricordiamo intanto che il 1 Giugno si terrà la “veglia per la Repubblica” a partire dalle 20 in Piazza del Pantheon e che il 2 Giugno, nel pomeriggio la Cgil interverrà con una manifestazione parallela in difesa dei diritti costituzionali vituperati dall’attuale Governo.

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche