Perchè Facebook ha introdotto Atlas contro privacy

Guide

Perchè Facebook ha introdotto Atlas contro privacy

Facebook ha silenziosamente introdotto una nuova piattaforma pubblicitaria, Atlas, non bene accolta dai più poiché dannosa per la nostra privacy.

L’idea dello strumento Atlas, rivolto agli inserzionisti, nasce dall’impossibilità di tracciare il percorso del navigatore dal browser, o da qualunque altro apparecchio, all’acquisto offline, in quanto i cookies, in questo caso, non funzionano.

Atlas, che poggia sulla logica del “people-based marketing” e favorisce l’invasione dei messaggi pubblicitari e le analisi dei dati sulle piattaforme di ogni strumento, che sia un comune pc o uno smartphone, aiuterà gli inserzionisti a capire quale messaggio pubblicitario un navigatore guarda in quel momento sul suo smartphone e se poi, ad esempio, effettuerà l’acquisto del prodotto sponsorizzato dal suo pc.

Facebook potrà effettuare quest’analisi collegando i profili dei suoi utenti con la visualizzazione dei messaggi pubblicitari, non solo sullo stesso Facebook, ma anche su altri siti e applicazioni.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*