Perché gatto nero porta sfortuna? COMMENTA  

Perché gatto nero porta sfortuna? COMMENTA  

I gatti neri non sono stati sempre al centro delle superstizioni, temuti o perfino considerati portatori di sfortuna.

In effetti, agli albori della civiltà egizia, intorno al 3000 a.C., i gatti (inclusi quelli neri) erano tenuti in grande considerazione e ucciderne uno comportava la pena capitale.

Nel Medioevo in Europa i gatti neri persero man mano il loro valore simbolico positivo e vennero associati alle cosiddette streghe. L’isteria riguardo le streghe che praticavano la magia nera aveva colpito l’Europa e i gatti randagi venivano spesso curati e nutriti dalle anziane donne indigenti e sole, più tardi accusate di stregoneria. E così anche i loro fedeli compagni furono ritenuti colpevoli di stregoneria per associazione d’idee.

La credenza che le streghe si trasformassero in gatti neri per aggirarsi furtivamente per le strade senza farsi notare divenne preponderante in America durante la caccia alle streghe di Salem. Così un animale che una volta era visto con approvazione divenne un simbolo di cattivo presagio in alcune parti del mondo.

Tuttavia, in alcune culture, il gatto nero è ancora venerato e rappresenta un simbolo di buona fortuna. Gli scozzesi credono che l’arrivo inaspettato a casa di un gatto nero significhi prosperità, mentre nelle contee dell’Inghilterra centrale regalare un gatto nero ad un matrimonio è considerato segno di buon auspicio per la sposa!

About Maria Scorsone 19 Articoli
Ha studiato presso l'Università degli Studi di Palermo, ha conseguito la laurea in Scienze della comunicazione internazionale con 105/110. Corso di specializzazione in Traduzione editoriale dall'inglese. Ha studiato presso la Humbodt-Universitaet di Berlino lingue estere

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*