Perché il wi-fi sui treni funziona male

Guide

Perché il wi-fi sui treni funziona male

Al giorno d’oggi l’interconnessione è ormai una necessità e non più solo una moda. Molte persone lavorano su internet e grazie a internet. D’altra parte molte persone, sempre per lavoro, devono affrontare lunghi viaggi in treno o in aereo. Che si tratti di controllare la mail o di lavorare a un sito, poter usare internet durante il viaggio per alcuni è molto importante. Purtroppo però in treno capita spesso che la connessione wi-fi sia lenta, salti o sia del tutto assente. Questo è un problema, tra l’altro, che si riscontra anche all’estero e non solo in Italia. Perché? A parte le ovvie ragioni logistiche, cioè il treno lanciato ad alta velocità, che passa sotto gallerie scavate nelle montagne o attraversa edifici, ci sono delle carenze tecniche che causano problemi alla connessione, problemi quindi con il satellite che dovrebbe trasmettere il segnale. In Italia la connessione a satellite sui treni è scarsamente utilizzata, si preferisce invece installare un router nelle carrozze, allo stesso modo in cui si fa per i cellulari. Però non in tutte le zone d’Italia c’è la copertura della rete, inoltre, essendoci molte persone ad usare la rete nel treno, ci vorrebbero maggiori e più potenti router. C’è anche un motivo imbarazzante: i furti di rame, poi rivenduto, che negli ultimi anni sono diventati un business della malavita e che impediscono ai ripetitori di funzionare. Pertanto occorrerebbe sostituire i cavi nelle zone in cui sono stati rubati.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Loading...