Perché le navi erano così essenziali per la prosperità dei vichinghi?

Guide

Perché le navi erano così essenziali per la prosperità dei vichinghi?

Gli scandinavi sono stati un popolo di navigatori per secoli, già da prima dell’era vichinga come noi la conosciamo oggi. Infatti i vichinghi iniziarono ad espandersi dalla fine dell’ VIII secolo. E ‘stata una serie di innovazioni nella costruzione navale intorno a quel periodo che ha dato origine alla tipica nave allungata chiamata “Longship” con prua a forma di drago, che ha permesso ai Vichinghi di spaziare nei loro viaggi da Costantinopoli (est) a Terranova (ovest).

Le navi vichinghe arrivarono in vari luoghi e varie testimonianze delo loro passaggio sono state rinvenute nel secolo scorso in tutta la Scandinavia e in Gran Bretagna. Accompagnate a descrizioni e illustrazioni contemporanee, gli archeologi hanno potuto comprendere come le navi erano costruite, come le hanno gestite e perché erano così importanti per la loro sopravvivenza.

Le “Longships” vichinghe sono state costruite principalmente in quercia, con del legno di pino utilizzato per i remi, i ponti e i piloni.

La chiglia era una singola, massiccia parte a forma di T, che utilizza il durame (la parte più tenace del busto dell’albero) di una quercia. Il fasciame orizzontale che costituiva il pavimento della nave era di rovere. Naturalmente dei pezzi sagomati di legno sono stati utilizzati per formare le “ginocchia” dei telai controventati. Questi, che costituivano lo scafo esterno, erano fatti di assi di quercia, divisi radialmente da tronchi di quercia verde, dando loro la stessa sezione aumentandone la forza. Le assi dello scafo, erano piallate a uno spessore di non più di un pollice, rendendo le navi leggere e maneggevoli. Le tavole erano fissate con chiodi di ferro fini. Questo ha dato la flessibilità alle nave nei mari più agitati.

La “Longship” vichinga era costruita, con muschio intriso di catrame di pino utilizzato come sigillante tra le tavole. I fori erano aperti dalla terza tavola in su fino al parapetto, e questi aveva piccole persiane interne che potevano essere chiuse quando la nave era sotto vela.

Le navi vichinghe erano mosse da più remi o da un unica grande vela di lana, tenuta tesa da una monotrave in grado di essere inclinata per permettere alla nave di virare. L’albero montato in blocchi di legno massiccio erano attaccati alla chiglia e potevano essere tolti in caso di necessità.

Queste navi così tecnicamente avanzate erano veloci e perfettamente in grado di far fronte alle dure condizioni che si trovavano in mare in Gran Bretagna, al largo delI’Irlanda, nell’ Europa settentrionale e nell’Oceano Atlantico. La loro leggerezza significava che potevano entrare negli estuari e nei fiumi e penetrare nel corso trasportando i loro equipaggi nelle incursioni legate al saccheggio. Potevano far sbarcare i propri guerrieri in un’unica sede mettendosi d’accordo di incontrarsi in punti lontani ad ore o giorni di cammino, navigando via con il bottino di guerra prima di essere intercettati. E ‘stato questo tipo di raid che il re di Gran Bretagna e di altri paesi europei hanno trovato così difficile da evitare, soprattutto durante il IX secolo, quando i vichinghi danesi e norvegesi causarono il crollo di molti governi.

I Vichinghi svedesi utilizzavano la scusa della pesca e del commercio per navigare lungo i fiumi dell’Europa orientale e della Russia.

Attraverso i negoziati fondarono quello che sarebbe diventato il regno embrionale di russa.

Nel 1893 una replica esatta della nave vichinga il ‘Gokstad’, costruita in Norvegia nel 1880, è stata navigata attraverso l’Atlantico per gli Stati Uniti, dove il quarto centenario della scoperta di Colombo dell’America si stava celebrando. Questa nave era lunga 23,3 metri e 5,25 metri a centro barca. Con un carico di 8 tonnellate. Il suo capitano, Magnus Andersen scrisse:

“Spesso abbiamo avuto il piacere di sfrecciare attraverso l’acqua alla velocità di 10 e talvolta anche 11 nodi. Questo a dispetto di un sartiame primitivo e relativamente scarso. Se i vecchi norvegesi hanno usato le loro navi esattamente allo stesso modo è difficile da dire, ma non sembra improbabile che abbiano usato le loro navi per tutto quello che valeva la pena di scoprire. Sembra certo che in quei giorni si volesse viaggiare il più velocemente possibile, perché altrimenti, avrebbero potuto prendersi la briga di migliorare la struttura affinché potesse essere perfezionata in vista di lunghi viaggi.’

La velocità e la resistenza e la leggerezza, simboli della Longship Vichinga, insieme alle norme di navigazione superba che i Vichinghi conoscevano alla perfezione, erano la chiave per i loro viaggi di esplorazione, commercio e conquista.

Senza le loro innovazioni nella costruzione delle navi, i vichinghi probabilmente sarebbero rimasti solo un altro popolo costiero che si avventuravano sui mari per i pesci e gli scambi solo con i vicini più prossimi.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*