Perchè quando si corre fa male la milza COMMENTA  

Perchè quando si corre fa male la milza COMMENTA  

Almeno una volta nella vita è successo a tutti: basta un esercizio molto intenso o si è un po fuori allenamento o dopo un pasto abbondante e si ha un colpo, a volte molto doloroso, dal lato sinistro dell’addome. Di solito si dice che “fa male la milza e la diagnosi è essenzialmente corretta. Infatti, la milza, oltre a contribuire alla distruzione emolisi dei globuli rossi, serve come riserva di globuli rossi” nuovi.


Nel corso di una gara, chi non è ben allenato, necessita di più ossigeno, il corpo reagisce con una contrazione nervosa della milza che causa il dolore, ma libera anche nuovi globuli rossi per soddisfare il bisogno di ossigeno.


Secondo altre teorie il dolore alla milza è causato da un eccessivo affaticamento del diaframma durante l’esercizio che lavora molto di più rispetto al normale.


Ma c’è un modo per combattere questo fastidioso compagno di corsa (così come durante il ciclismo, il nuoto e l’equitazione)? Il primo trucco è quello di allenarsi: in tal modo la respirazione e i movimenti del diaframma sono stabilizzati e schiacciano gli organi interni meno.

L'articolo prosegue subito dopo

E è soprattutto utile rafforzare i muscoli addominali per aiutare a contenere il movimento della milza e fegato durante l’esercizio fisico. Infine, è sempre meglio evitare cibi ricchi di grassi due o tre ore prima dello sport, perché l’aumento del flusso di sangue aiuta a mettere sotto pressione la milza.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*