Perché si deve pagare per il catechismo COMMENTA  

Perché si deve pagare per il catechismo COMMENTA  

Un prete di Rescaldina, piccolo paese della provincia di Milano, ha respinto un gruppo di bambini dal corso di preparazione alla Cresima perché i genitori non avevano pagato l’iscrizione al corso.

Sembra che durante l’ora di lezione siano stati fatti uscire dall’aula i bambini che non avevano portato in classe il contributo economico per il catechismo.

Don Enrico, il parroco che ha deciso di escludere i bambini dal corso religioso, ha preferito non commentare la vicenda. I genitori hanno reagito con durezza all’esclusione e hanno minacciato di rivolgersi alla curia.

Io ho sempre sentito che il catechismo é gratuito, e se ci sono spese da sostenere e c’è chi nn lo può fare ,la parrocchia si accolla l’onere…..perché? Perché i ragazzi siano tutti uguali e nn emarginati per un motivo o per un ‘altro.

L'articolo prosegue subito dopo

Quale sia la causa non si sa, ma questo sacerdote é molto “caritatevole” .

Leggi anche

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*