Perdita liquido amniotico dopo amniocentesi COMMENTA  

Perdita liquido amniotico dopo amniocentesi COMMENTA  

L’amniocentesi è un esame diagnostico molto discusso e controverso, a cui molte donne hanno il timore di sottoporsi.

Il test consiste in un prelievo di liquido amniotico dalla sacca uterina in cui si trova il feto, che viene eseguito tra la quindicesima e la diciottesima settimana di gravidanza. Il liquido viene poi analizzato al fine di verificare che il nascituro non sia affetto da patologie di tipo genetico, e da alterazione cromosomiche.


Si consiglia l’amniocentesi soprattutto a quelle donne che affrontano una gravidanza in età avanzata, ovvero dai 35 anni in poi, e anche a chi ha già dei precedenti in famiglia di malattie genetiche.

Trattandosi di un esame invasivo, non è privo di rischi, anche se essi sono calcolati in una percentuale molto bassa ovvero dello 0,1%. Può capitare infatti che la sacca amniotica si rompa: questo causa delle perdite di liquido amniotico.

Di solito basta rimanere a riposo per consentire alla sacca di sanarsi.

 

Leggi anche

LED
Guide

Lampadine LED: perché comprarle

Tutti i vantaggi derivati dall'installazione di lampadine LED in luogo dell'illuminazione tradizionale. Il termine LED è nient'altro che l'acronimo di Light-Emitting Diodes, e rappresenta una specifica tecnologia di illuminazione, particolarmente Leggi tutto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*