Milano, perizia per Carlo Lissi: uccise moglie e figli

Cronaca

Milano, perizia per Carlo Lissi: uccise moglie e figli

MILANO – Carlo Lissi, l’uomo di 31 anni che il 14 giugno dello scorso anno uccise nella sua casa di Motta Visconti (in provincia di Milano) la moglie Maria Cristina Omes (38 anni) e i due figli Giulia (5 anni) e Gabriele (20 mesi), sarà sottoposto a perizia psichiatrica. Quersto quanto deciso dal gip di Pavia al termine dell’udienza preliminare per il triplice omicidio. Il magistrato ha anche accolto la richiesta di rito abbreviato.

Al momento della decisione del gip Lissi non era presente all’udienza a Palazzo di Giustizia e non lo sarà neppure il prossimo 14 maggio, quando saranno scelti gli esperti saranno incaricati di svolgere la perizia.

All’udienza era invece presente Giuseppina Redaelli, madre di Maria Cristina e nonna di Giulia e Gabriele, che si è costituita parte civile, così come altri parenti delle vittime e un’associazione.

“La mia vita è finita con la morte di mia figlia e dei miei due nipoti – ha detto Redaelli ai giornalisti al termine dell’udienza – Non potrò mai perdonare Lissi per quanto ha fatto. Il suo avvocato dice che è afflitto? Doveva pensarci prima. Mi auguro solo che sia fatta giustizia e che quest’uomo stia in carcere e provi le stesse sofferenze che sta facendo vivere a tutti noi.

Mi do la colpa di non aver capito in tempo cosa stava succedendo nella famiglia mia figlia. Maria Cristina non mi aveva parlato di problemi con suo marito”.
Lissi, informatico uccise moglie e figli perché innamorato, non corrisposto, di una collega di lavoro, Maria. Dopo l’omicidio mise in atto una vera e propria messa in scena: dopo aver simulato una rapina finita nel sangue andò al pub con gli amici a guardare una partita di calcio per crearsi quello che pensava sarebbe stato un alibi di ferro. Ma a meno di 48 ore dal delitto, gli interrogatori nella locale caserma dei Carabinieri lo fecero crollare, confessando la sua colpa. Ora, a quasi un anno di distanza dai fatti, per Lissi inizia una nuova tormentata odissea.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

Loading...