Pescara-Reggina: le probabili formazioni

Calcio

Pescara-Reggina: le probabili formazioni

Dopo ventisette giorni di attesa il Pescara si appresta a tornare davanti ai propri tifosi per ospitare la Reggina alle 20.45 nel primo dei due recuperi, quello della 26° giornata, che attendono la squadra di Zeman (l’altro sempre all’Adriatico contro la Juve Stabia si giocherà il 7 marzo), anche per dimenticare le recenti difficoltà. Nulla di insormontabile, ma piccole noie che hanno parzialmente offuscato l’orizzonte sereno che si affacciava davanti ai biancoazzurri dopo la serie di sei vittorie consecutive tra la fine del 2011 contro la Sampdoria ed i primi due mesi del nuovo anno. Serie che si è interrotta proprio sabato scorso quando la squadra si è fatta raggiungere da un coriaceo Albinoleffe: una mezza delusione per gli adriatici, non tanto per la perdita forse solo momentanea del primo posto, ma perché occasioni del genere, tanto più contro squadre alla portata, andrebbero sfruttate al meglio visto anche il passo forsennato delle rivali, Verona compreso. L’Adriatico si annuncia nuovamente pieno per la partita contro la squadra di Gregucci, che ambisce ai playoff ma ancora in attesa della necessaria continuità: dopo due vittorie è infatti arrivata la cocente delusione di Castellammare che ha riportato a sei i punti di ritardo dal sesto posto.

Per l’occasione Zeman recupererà Insigne, che dopo un mese di sosta (ma una sola partita saltata) si riprenderà il posto da titolare: squalificato Verratti, al suo posto giocherà Togni. Tutti a disposizione invece per Gregucci che sembra deciso a riproporre D’Alessandro a destra al posto di Ragusa: troppo pericoloso schierare un attaccante a fare il terzino davanti alla coppia Balzano-Cascione. Il tutto arriva nella settimana contraddistinta dal fastidioso caso legato al campo di allenamento del Poggio degli Ulivi. I più attenti infatti si ricorderanno che proprio la sede abituale degli allenamenti dei biancoazzurri fu il casus belli che portò alle dimissioni dell’ex presidente De Cecco che suggerì l’acquisto del Poggio da parte della società la quale si irrigidì di fronte a difficoltà economiche. E quello che sembrava un innocuo black out elettrico si è invece rivelato frutto della clamorosa iniziativa di De Cecco che ha deciso di togliere l’erogazione della luce definendo la società morosa. Di tutt’altro avviso il presidente Sebastiani il quale il Pescara vanta addirittura crediti nei confronti di De Cecco.

Alla fine è stato trovato l’accordo economico tra le parti e la squadra ha potuto tornare ad allenarsi al Poggio proprio venerdì per sostenere la rifinitura prima della partita contro la Reggina: lo stesso Zeman si è dichiarato infastidito ma la squadra dovrà dimostrarsi più forte di tutto.

Perché dopo aver pagato a Bergamo anche uno scotto alla lunga inattività forzata, c’è un primato da riconquistare per tenere il passo di Sassuolo, Verona e Torino che sembrano scatenate: proprio com’era il Pescara prima dei tanti contrattempi. Probabili formazioni. Pescara: Anania; Zanon, M. Capuano, Romagnoli, Balzano; Nielsen, Verratti, Cascione; Sansovini, Immobile, Insigne. Reggina: Zandrini; Freddi, Emerson, Angella; Mat. D’Alessandro, N. Viola, Rizzo, Barillà, Rizzato; Bonazzoli, Ceravolo.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

Loading...