“Pesce d’Aprile”: le sue origini

Esteri

“Pesce d’Aprile”: le sue origini

La festa del “Pesce d’Aprile”, che cade il primo giorno del mese d’Aprile, secondo un sondaggio europeo viene considerata una festa moderna risalente i primi del secolo scorso.Invece ha origini antiche, ma ancora oggi la precisa collocazione temporale è avvolta nel mistero.

Gli studiosi di tradizioni popolari nel corso degli anni hanno portato a termine diverse ipotesi, la più accreditata risale al periodo antecedente al 154 A.C. , quando il 1° di Aprile segnava l’inizio dell’ anno. In quel periodo era usanza e costume festeggiare questo giorno con la massima libertà creativa, arricchita da lazzi, burle e buffonerie. La stessa cosa avveniva nel Calendario Giulianointrodotto da Giulio Cesare nel 46 A.C.

Con la nascita del Calendario Gregoriano, istituito nel 1582 da Papa Gregorio XIII, tutte le feste pagane furono soppresse e si stabilì che l’inizio dell’anno doveva essere il 1° di Gennaio. Ma visto il gran numero di pagani, questa festa continuò ad esistere nei secoli fino ai giorni nostri.

In questi ultimi trentanni, grazie ai mezzi di comunicazione, la stampa e le tv hanno cercato di ravvivare decisamente questa antica festa, lanciando delle notizie dall’apparenza credibili, ma soprattutto interessanti.

Alcuni scherzi che sono particolarmente riusciti sono :

Il giornale The Guardian nel 1982 pubblicò la descrizione di un isola paradisiaca in mezzo al pacifico, San Serriffe island, bella, incontaminata, ottima meta per una vacanza di puro relax; l’unico problema è che non esiste l’isola.

La BBC nel 1985 preannunciò una nuova razza di pinguini volanti .( peccato che l’autore del documentario sia un ex membro del gruppo umoristico Monty Python)

Alberi degli spaghetti: ancora la BBC fece nel 1988 un reportage riguardante la raccolta degli spaghetti in Svizzera.

Ci furono spettatori che volevano comprarne.

Renzo Arbore nel 1987 fece di più, ideò un “pesce d’Aprile” annuale con il suo Cacao Meravigliao .

A Telelombardia si era diffusa una intervista del ex premier Berlusconi che dichiarava di essere pronto a chiamare come ministri Massimo Cacciari e Mario Monti, in caso di pareggio alle elezioni del 2008. Successivamente la notizia fu smentita, ma l’effetto in campagna elettorale è stato forte.

Ma la bufala più grande è arrivata nel 2010 dal sito Total Film dove si pubblicizzava un nuovo film, Lo Hobbit, in 4d, ovvero visione tridimensionale con stimoli sensoriali .

Francesco Alessandro Sereni

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche