Petrolio: primo passo di accordo a Doha ma il mercato resta incerto

Petrolio: primo passo di accordo a Doha ma il mercato resta incertoCOMMENTA

petrolio

I paesi Opec si sono incontrati a Doha per combattere il ribasso del mercato del petrolio

L’accordo a parole c’è stato, ma le difficoltà restano forti e si ripercuotono sul prezzo del greggio

L’INCONTRO – Il

prezzo troppo basso del petrolio (anche in Italia la benzina è arrivata a livelli che non si raggiungevano da anni) sta facendo ammalare il mercato e a perderci rischiano di essere tutti. Per questo motivo nel meeting

Leggi anche: Potenziato il network di Qatar Airways con 5 destinazioni

di Doha di pochi giorni fa si sono riuniti i ministri del petrolio di Qatar, Russia, Arabia Saudita e Venezuela, quattro tra i principali produttori di greggio. L’accordo di massima c’è stato: non aumentare la produzione per

Leggi anche: Volo + Hotel per il Gran Premio di Moto GP del Qatar 2011

i prossimi mesi, mantenendo il prezzo costante. Il problema è che l’accordo potrà entrare in vigore soltanto se anche buona parte dei produttori di petrolio al momento non presenti aderiranno. Inutile negarlo,

i convitati di pietra sono Iraq e Iran: soprattutto quest’ultimo, per recuperare il terreno perso per via delle  sanzioni economiche succedutesi negli anni, sta trattando grosse forniture con

Leggi anche: La FIFA ha scelto Doha in Qatar per i campionati del mondo del 2022

la bisognosa India e ha pronto, secondo il suo ministro degli esteri, un piano per l’aumento della produzione di greggio per i prossimi sei mesi.

LE CONSEGUENZE – I mercati, per colpa di queste incertezze,

Leggi anche: Qatar Airways inaugura il Venezia Doha il 15 giugno 2011

continuano ad essere in fibrillazione e l’effetto Doha al momento è stato rapidamente superato dai nuovi ribassi del greggio. Dopo essersi impennati, infatti, oltre i 30 dollari al barie, i barili di petrolio hanno rivisto

Leggi anche: Qatar Airways: più collegamenti da Milano Malpensa

scendere il loro prezzo, nella giornata del 20 febbraio. Possibili interventi di Russia e America per sanare la situazione: dagli Stati Uniti è giunto uno stop alle trivelle che ne ha ridotto il numero ai livelli del 2009 e dalla Russia le istituzioni fanno sapere che si può bloccare la produzione di greggio senza grosse sofferenze sul mercato. Basterà per la forte ripresa del mercato?

About the Author

Modestino Picariello
Giornalista e insegnante, amo poter raccontare la realtà in maniera chiara e semplice. Il più grande potere è nella conoscenza
loading...

Commenta per primo "Petrolio: primo passo di accordo a Doha ma il mercato resta incerto"

Commenta

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato

*