Come fare petto d'anatra cotto sottovuoto - Notizie.it

Come fare petto d’anatra cotto sottovuoto

Guide

Come fare petto d’anatra cotto sottovuoto

Cuocere il petto d’anatra non è una tecnica molto semplice perchè si rischia di rendere la carne troppo stopposa. Ecco un metodo alternativo per rendere la carne più morbida.
Avete mai cucinato l’anatra? Dovete sapere che la sua carne è molto succulenta ma a volte una cottura errata può compromettere la consistenza, rendendo il nostro piatto un… “mappazzone” come direbbe lo chef Bruno Barbieri. Come fare allora per cuocere l’anatra mantenendo inalterate le sue proprietà e soprattutto lasciando la carne morbida?
Con la cottura sottovuoto.
Il procedimento può sembrare un pò laborioso ma il risultato finale vi stupirà! Avrete bisogno di una macchina per il sottovuoto con i sacchetti adatti alla cottura degli alimenti, una macchina per la cottura sottovuoto, nota anche con il nome di “roner” (una sorta di bagnomaria elettrico e termostatico) ed infine dell’acqua e ghiaccio o un abbattitore termico.

Dopo aver preparato il petto d’anatra con i vari aromi (sale, pepe, ginepro, cannella, chiodi di garofano, olio evo, ecc…) mettetela sottovuoto con l’apposita busta.

A questo punto impostate la temperatura del roner e fate cuocere il petto d’anatra per almeno due ore. Trascorso questo tempo, mettete la busta a raffreddare in abbattitore o in una semplice ciotola capiente con acqua e ghiaccio.
A questo punto dovete “rigenerare” la carne prima di servirla con il roner.
Successivamente, per avere la pelle con la crosta, che rende il piatto molto più invitante, dovete scaldare a fuoco alto una padella antiaderente con un filo di olio evo.

Fate rosolare il petto per qualche minuto da entrambi i lati per rendere il tutto dorato e in questo modo sigillerete i succhi all’interno della carne. Il vostro piatto è pronto e potete presentarlo accompagnandolo con delle salse o delle mele caramellate, o una confettura di frutti rossi che si sposano particolarmente bene con la carne d’anatra.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*