Picchiano e legano al bidone della spazzatura bimba di 4 anni COMMENTA  

Picchiano e legano al bidone della spazzatura bimba di 4 anni COMMENTA  

Ancora terribili notizie che coinvolgono minori indifesi. Un agghiacciante episodio di violenza sui minori proviene dalla Pennsylvania. Una coppia ha prima picchiato e poi abbandonato in un bidone della spazzatura con le mani legate la loro figlioletta di appena quattro anni. La madre, Crystal Jedrzejek, 31 anni, ha compiuto questo assurdo gesto insieme al patrigno Kristopher Newman, 34 anni, per punire la piccola che si era sporcata. L’episodio di violenza risale al 16 Novembre scorso, tra un mese circa comincerà l’udienza preliminare.

Leggi anche: ZTL Palermo: pass, permessi, targhe alterne, strade interessate

La donna ha scaricato tutte le colpe sul compagno, sostenendo che non si trovava in casa quando la bimba è stata picchiata. La madre della piccola è stata rilasciata su cauzione, mentre per l’uomo si sono spalancate le porte del carcere in attesa del verdetto definitivo.

Leggi anche: Ztl a Palermo, da Ottobre: quali le aree interessate

La notizia è stata riportata dal sito Metro.co.uk. e ovviamente ha suscitato sconcerto e indignazione: come è possibile comportarsi così con una bambina indifesa e innocente?

Leggi anche

Finlandia: uccise a fucilate amministratrice e due giornaliste
Esteri

Finlandia: uccise a fucilate amministratrice e due giornaliste

 Tre donne: la presidente cinquantenne del consiglio comunale di Imatra, Tiina Wilén-Jappinen e due giornaliste, una trentenne l'altra sui cinquanta, sono state assassinate da un uomo. Tre donne  assassinate da un uomo solo, il 23enne Jori Lasonen, proprio all'entrata di un ristorante nel quartiere della vita notturna della cittadina meridionale di 28mila abitanti a circa 230 chilometri dalla capitale Helsinki e non lontano dal confine russo. L'uomo è un pregiudicato che nel 2013 aveva già aggredito con un pugnale alcuni passanti, uomo che è stato arrestato ed è adesso sottoposto a stringenti interrogatori. Afferma però  la portavoce della polizia, la Leggi tutto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*