Piccole Automobili Pieghevoli Pronte per il Debutto in Europa

Europa

Piccole Automobili Pieghevoli Pronte per il Debutto in Europa

Una minicar veramente molto mini, chiamata “Hiriko” sarà mostrata al presidente della Commissione Europea Jose Manuel Barroso questa settimana, nel kick-off ufficiale per la nuova auto in Europa. Il lancio avverrà dapprima in Spagna, perchè la casa produttrice dell’auto è basata lì. L’auto fino ad ora è l’unico progetto sviluppato da una collaborazione europea, che porta lo stesso nome dell’auto stessa, che significa “urbano” in basco.

L’auto è piccola e letteralmente si ripiega su se stessa, in modo da occupare uno spazio di parcheggio veramente limitato.

L’intera idea, come fa notare AFP newswire, volge a promuovere le iniziative volte a trovare soluzioni all’inquinamento atmosferico, al traffico e, naturalmente, alla difficoltà di parcheggiare in città. La Hiriko è completamente elettrica e può camminare fino a 75 miglia con una ricarica. Inoltre, ligia alla sua missione, ha un controllo velocità che impedisce al guidatore di superare i limiti di velocità consentiti.

L’idea dell’auto è da attribuire, come fa notare AFT, al Mit-Media lab di Boston, che ha dato al consorzio l’autorizzazione a costruirla.

L’idea del veicolo pieghevole è nata all’inizio per limitare gli spazi occupati nelle autorimesse, problema molto sentito in Europa, in quanto molti garages sono stati costruiti prima che l’uso dell’automobile diventasse così diffuso. Lo scopo era costruire un’auto piccola almeno la metà di un’auto tradizionale, in modo che un posto auto normale potesse contenerne due. Da come vanno le cose, sembra che l’obiettivo sia stato centrato.

Il consorzio attualmente è in contatto con i leader di altre città europee, e si dice che molte piccoli piccoli impianti potrebbero essere costruiti per soddisfare le esigenze degli utilizzatori locali. Si potrebbe arrivare ad una flotta di piccole auto cittadine, simili a taxi, da dare in noleggio agli automobilisti, limitando così il traffico e liberando le strade dal gran numero di auto parcheggiate.

Il veicolo ha un prezzo attuale di 12.500 Euro, ma potrebbe cambiare se il governo darà dei sussidi per aiutare i suoi produttori.

Inoltre, se le città cominceranno a costruire impianti per produrre le proprie auto, il prezzo sarà certamente destinato a scendere.

Qualcuno nel consorzio ha anche suggerito di fare in modo che in futuro soltanto le auto possedute dai comuni e noleggiate agli automobilisti, possano circolare nei centri urbani delle maggiori città europee, come Londra, che ha già preso provvedimenti per diminuire il traffico imponendo un pedaggio.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

Loading...