Piccole donne…….. Oggi COMMENTA  

Piccole donne…….. Oggi COMMENTA  

Lidia Ravera aveva 7 anni quando sulla sua strada ha incontrato 4 ragazze: Jo, Beth, Amy e March ovvero le protagoniste del romanzo di Louise May Alcott “Piccole Donne”.  L’autrice torinese ammette di essere stata folgorata, ammaliata dal romanzo e dalle quattro signorine tanto che nel 1986 ha pubblicato “Bagna i fiori e aspettami”, una sorta di remake del libro della Alcott.

Leggi anche: Un libro da regalare a Natale: Galveston di Nic Pizzolatto

Ha vinto un premio ” Milano Narrativa” ed è diventato una fiction tv molto apprezzata. Venticinque anni dopo Lidia Ravera torna in libreria con una nuova versione proprio del fortunato romanzo edito da una neonata casa editrice: la et.la.

Leggi anche: Recensione libro “Ma tu balli salsa?!?”

E’ stato un lungo lavoro di editing e nonostante abbia tolto molte ed inutili ridondanze giovanili rimane sempre un romanzo ben scritto, divertente, appassionante. Le protagoniste sono 4 ragazze romane che si ritrovano nei sentimenti di sempre: sorellanza, innamoramento, gioia di sperimentare, ricerca del padre, brivido degli sbagli, meraviglia dei principianti.

Leggi anche

Santa Lucia
Cultura

Santa Lucia: come perse la vista

Fra storia e leggenda, il martirio della siracusana Santa Lucia e la mitologia che ruota intorno ai suoi occhi. Ritratta solitamente con un piatto recante un paio di occhi umani, un giglio, una palma, un Vangelo e un pugnale piantato in gola. Patrona di Siracusa, ma anche di ciechi, oculisti, elettricisti, scalpellini; protettrice contro le malattie degli occhi e le carestie. Santa Lucia è una delle figure più complesse dell'iconografia cristiana. Siracusana, martire a trentuno anni, è vissuta tra la fine del III e l'inizio del IV Secolo dopo Cristo. Il suo martirio ebbe origine, secondo i documenti d'epoca, dalla decisione Leggi tutto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*