Piccoli giocatori crescono

Inter

Piccoli giocatori crescono

Ogni squadra di calcio possiede un vivaio, alcuni sono da sempre considerati delle miniere, gli osservatori instancabili girano per l’Italia, ed ormai anche per l’Europa, alla ricerca del futuro fuoriclasse.

Ci sono alcuni vivai che sono famosi per aver sfornato giocatori che sono anche riusciti ad arrivare alla nazionale maggiore; il Torino ha posseduto per anni un eccellente vivaio, così come l’Atalanta, il Milan e l’Inter, ultimamente anche la Juventus ha costruito le basi per di un vivaio competitivo.

Avere un vivaio vuol dire avere un serbatoio che all’occorrenza può fornire giocatori alla prima squadra; solo pensando a giocatori usciti dal vivaio interista è facile citare in ordine sparso: Facchetti, Mazzola, Bordon, Oriali, Bergomi, Ferri, Balotelli, Santon.

Recentemente, si è svolto a Londra, presso lo stadio Emirates, un incontro :lo Youth Delevolpment for the Future of Club Football; si è discusso di alcune criticità inerenti ai vivai.

L’Inter è stata chiamata per relazionare ai presenti la gestione del proprio settore giovanile, settore che viene indicato come un modello da imitare, assieme a quelli di Ajax e Dinamo Zagabria.

E’ stato questo motivo d’orgoglio per tutta la dirigenza nerazzurra, in particolar modo è stato un riconoscimento per il lavoro svolto dall’ex amministratore Ernesto Paolillo, questi ha così sottolineato il riconoscimento : “Quello dell’Eca è stato un riconoscimento al lavoro fatto in questi anni – ha spiegato Paolillo –.

Il nostro è un modello rodato che grazie alla sua organizzazione e allo scouting mirato ha raggiunto grandi risultati. Visto come viene ammirato da tanti club europei, spero che questa modello non venga cambiato in futuro. I cambiamenti portano solo danni”.

Cereda Stefano

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

Stefano Cereda 439 Articoli
Laureato in Scienze Storiche all'Università Statale di Milano, relatore in un convegno patrocinato dalla Provincia di Lecco sui 150 anni dell'Unità d'Italia, per il medesimo convegno autore di un saggio sul Risorgimento.