Piermario Morosini è morto

Calcio

Piermario Morosini è morto

Piermario Morosini non ce l’ha fatta. Il centrocampista del Livorno è morto a causa del malore subito in campo al 31′ della trasferta di Pescara, che la sua squadra stava conducendo per 2-0. A nulla sono valsi i soccorsi prestati direttamente sul campo: prima dal medico del Livorno, accorso sul terreno di gioco prima ancora del segnale dell’arbitro e prodigatosi immediatamente in un massaggio cardiaco prolungato poi con l’aiuto del defibrillatore quando sul campo dell‘Adriatico Cornacchia è giunta l’ambulanza, in leggero ritardo a causa della presenza di un’autovettura che ne ostruiva il passaggio.

Immediate le scene di disperazione dei suoi compagni che hanno lasciato subito il campo. D’altronde la scena era stata agghiacciante: Morosini, colpito da quello che dovrebbe essere stato un arresto cardiaco, ma indicazioni più precise arriveranno solo dopo l’autopsia, ha provato per ben tre volte a reggersi in piedi, camminando quasi a carponi, per poi crollare ventre a terra.

L’arbitro Baratta, di spalle, non si era accorto dell’accaduto ed ha poi sospeso la gara su indicazione dei giocatori.

Morosini non è morto sul colpo perchè in campo, dopo il massaggio cardiaco, il ragazzo aveva aperto gli occhi ma nel tragitto verso l’ospedale la situazione è precipitata. Secondo quanto dichiarato dal primario dell’ospedale di Pescara Leonardo Paloscia, infatti, il ragazzo non ha mai dato segnali di ripresa: “Abbiamo tentato di rianimarlo per quasi un’ora e mezza senza che il ragazzo riprendesse a respirare nè ad assumere un battito cardiaco, neppure con l’impianto di un by pass provvisorio“.

5 Commenti su Piermario Morosini è morto

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche