Pillola anticoncezionale Yaz: effetti collaterali

Donna

Pillola anticoncezionale Yaz: effetti collaterali

Pillola anticoncezionale Yaz: posologia 24 pillole a base di ormone attivo e 4 a base di placebo, niente sospensione; numerosi gli effetti collaterali indesiderati

La pillola anticoncezionale Yaz è la nuova pillola anticoncezionale lanciata sul mercato italiano: la novità è che oltre ad essere un contraccettivo, e quindi inibisce l’ovulazione e consente di evitare le gravidanze indesiderate, questa è in grado di combattere in modo efficace i sintomi premestruali, un problema rilevante che impatta sulle donne, avendo ripercussioni pesanti sulla qualità della vita.

La nuova pillola anticoncezionale Yaz contiene drospiredone ed estrogeno, oltre che all’etinilestradiolo. L’aspetto innovativo concerne proprio la modalità di assunzione: la somministrazione prevede l’assunzione della pillola per 21 giorni e 7 giorni di sospensione, durante i quali la donna ha il ciclo mestruale. Nel caso della pillola in questione, quella Yaz, la modalità di assunzione prevede 28 giorni di assunzione e per quanto concerne la posologia c’è una distinzione tra pillola e pillola.

Nella scatola trovate 24 compresse che contengono ormone attivo, mentre le altre 4 placebo consentono di mantenere la continuità dell’assunzione. Durante l’assunzione di queste 4 pillole placebo compare il ciclo mestruale. La nuova confezione, una volta terminata, va iniziata subito senza alcuna interruzione. Con un aumento dell’assunzione di compresse, si può evitare le alterazioni ormonali e i conseguenti disturbi premestruali.

Tuttavia, la pillola contraccettiva Yaz non è scevra da effetti collaterali indesiderati che possono insorgere e danneggiare l’organismo umano, di seguito elencabili: infezioni e infestazioni, candida, patologie del sistema emolinfopoietico, anemia, trombocitopenia, reazioni allergiche, patologie endocrine, disturbo endocrino, disturbi del metabolismo e della nutrizione, aumento dell’appetito, anoressia, disturbi psichiatrici, labilità emotiva, depressione, diminuzione della libido, nervosismo, sonnolenza, insonnia, mal di testa, parestesia, vertigine, tremore, secchezza oculare, tachicardia, emicrania, vene varicose, ipertensione, flebite, disturbo vascolare, epistassi, sincope, nausea, patologie dell’apparato riproduttivo e della mammella, dolore al seno, amenorrea, dolore pelvico, ingrossamento del seno, seno fibrocistico, sanguinamento uterino/vaginale, ipomenorrea, menorragia, secchezza vaginale.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche