Piramide di Cheope: foto imperdibili del grande monumento
Piramide di Cheope: foto imperdibili del grande monumento
Viaggi

Piramide di Cheope: foto imperdibili del grande monumento

piramide cheope

La piramide di Cheope è una delle sette meraviglie del Mondo. Scopri la sua storia.

La piramide di Cheope è una delle costruzioni più note e importanti del panorama artistico egiziano e mondiale. Detta anche Grande Piramide di Giza, risale al 2560 a.C., e rappresenta la tomba del faraone Khufu, appartenente alla IV dinastia, nel Regno Antico. Raggiungeva i 146 metri e fino alla costruzione della cattedrale di Lincoln, in Inghilterra, rappresentò l’edificio più grande del mondo.

La piramide

La Piramide di Khufu a Giza è una delle Sette Meraviglie del mondo antico oggi ancora presente. A suo figlio Chefren e Micerino, vengono attribuiti la realizzazione delle altre due piramidi di Giza. Nessuna di queste ha le stesse imponenti dimensioni della grande Piramide di Cheope, completata intorno al 2560 a. C. e alta originariamente 481 piedi (oggi ridotti a 455 a causa della rimozione di elementi architetturali esterni). Khufu, conosciuto anche col nome greco di Cheope, fu il secondo faraone della quarta dinastia dell’Antico Egitto. Tutto questo si svolse durante l’epoca dell’Antico Regno.

esterno

La quarta dinastia è considerata un’età d’oro per l’Antico Regno.

Questo principalmente per via delle gigantesche dimensioni e per la fattura delle piramidi costruite in questo periodo. A partire dalla costruzione delle piramidi del padre di Cheope, Sneferu, realizzate a Dahshur, le piramidi della quarta dinastia presentano di fatto maggiori dimensioni; hanno anche un aspetto più curato rispetto alle altre edificate in epoca anteriore e successiva.

esterno 2

Piramide di Cheope: stanza segreta

Un team internazionale di esperti lavora da mesi nella piramide di Cheope ed è convinto di essere vicino alla scoperta di una camera segreta. Questo rappresenta sicuramente il sogno di ogni archeologo che dai tempi dell’intrepido Giovanni Battista Caviglia sia entrato nella grande piramide di Giza. Nessuno ne parla ancora ufficialmente, e le cavità finora trovate sono state descritte solo come piccole anomalie.

struttura piramide

Da quando il califfo Al Mamoun penetrò nell’820 d.C. nella piramide scavando una galleria, la ricerca di una camera segreta ha ossessionato molti ricercatori. Al Mamoun non trovò all’interno i tesori che cercava, né iscrizioni che permettessero di svelarne il segreto.

Il tesoro del faraone doveva però esistere ed essere nascosto da qualche parte. Prima di essere fermati da leggi che finalmente hanno tutelato le antichità anche in Egitto, molti avventurieri hanno scavato la piramide alla ricerca della camera segreta. Ce ne sono ancora i segni nella parete sud. Nella misteriosa nicchia a gradoni della cosiddetta «camera della Regina», si possono vedere i resti degli scavi di alcuni metri.

esterno 3

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche