Pisapia prende posizioni contro gli F35: la spesa è anticostituzionale!

Roma

Pisapia prende posizioni contro gli F35: la spesa è anticostituzionale!

Il Sindaco di Milano Pisapia contesta fermamente l’acquisto di 90 cacciabormardieri F35 e aderisce a :”Taglia le ali alle armi” insieme al coordinatore della campagna Francesco Vignarca,all’assessore delle politiche sociali Majorino, a Paolo Ricotti dell’Acli ( Associazione cristiana dei lavoratori italiani) e Rosario Pantaleo del Pd, firmatario della mozione presentata lo scorso Aprile e approvata dal consiglio comunale, con cui si chiedeva appunto di schierarsi contro la scellerata decisione di investire pesantemente nella spesa militare. In una lettera inviata al Ministro della difesa Giampaolo Di Paola, Pisapia chiede di utilizzare i dieci miliardi previsti, non più per sostenere la spesa militare, definita inutile ed anticostituzionale Art 11 ), ma per” supportare le amministrazioni locali nelle politiche sociali e di sviluppo del territorio necessarie a fronteggiare la crisi”. L’assessore Majorino spiega che ” con le risorse spese per due cacciabombardieri potremmo realizzare dieci centri di eccellenza per l’assistenza ai disabili, riqualificare tutte le scuole, abbattere le barriere architettoniche”; inoltre, approfittando del sito web del governo , creato per segnalare gli sprechi, l’assessore aggiunge: “Questo è il messaggio che mandiamo al commissario antisprechi Bondi e al Governo, impegnati in un’azione di spending review.

Basterebbe parte della commessa destinata agli F35 per coprire i costi di questa finanziaria che tanti sacrifici sta chiedendo agli italiani” Intanto l’iniziativa ha riscosso consensi plateali, grazie all’adesione di ben 650 associazioni e 50 enti locali; sono già state raccolte 70 mila firme e speriamo che anche le altre città italiane colgano l’esempio, perchè la guerra inutile, che ci vede coinvolti non diventi una guerra tutta italiana contro l’Italia stessa e chi la governa

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

Loading...