Come preparare un plumcake allo yogurt senza uova né burro
Plumcake allo yogurt senza uova né burro
Cucina

Plumcake allo yogurt senza uova né burro

Plumcake allo yogurt

Per chi ama cucinare dolci, ecco una gustosa ricetta per grandi e piccini: il plumcake allo yogurt senza uova né burro.

Chi sta seguendo una dieta povera di grassi, vuole tenere a bada il colesterolo, o più semplicemente non ha a disposizione uova e burro, ecco un modo per preparare un gustosissimo plumcake allo yogurt facendo a meno di questi ingredienti.

Perché preparare un dolce leggero

Si sa, le uova e il burro sono due degli ingredienti fondamentali di un dolce, ma sono anche alimenti ricchi di grassi e di colesterolo. Poiché oggigiorno sempre più persone sono attente alla salute, si rinuncia spesso al piacere di un dolce senza sapere che ci sono ottime alternative alla sua preparazione.

Il “dolce” piace tanto perché è una fonte energetica immediata, ricca di calorie. Lo abbiamo imparato a preferire nel corso dell’evoluzione, quando le risorse alimentari scarseggiavano e bisognava accumulare fonti energetiche importanti.

Oggi non è più così, le disponibilità alimentari sono illimitate, ma, poiché il nostro organismo non si è ancora adattato a questo rapido mutamento, continuiamo ad accumulare senza curarci di nulla.

È fondamentale quindi cercare di contenere il consumo calorico, ma senza rinunciare allo stesso tempo ai piaceri di un ottimo dolce.

Cos’è il plumcake

Il plumcake è un dolce tipicamente casalingo, dalla classica forma rettangolare dovuta all’utilizzo degli stessi stampi del pane in cassetta. Il fatto che l’impasto destinato alla cottura sia semiliquido, lo rende, una volta cotto, molto soffice. La ricetta classica è quella che utilizza farina, lievito, zucchero e uova ma è possibile, come nella proposta di oggi, aggiungere anche altri ingredienti come lo yogurt oppure toglierne altri come appunto le uova.

Innumerevoli aggiunte possono essere costituite da alimenti tipicamente regionali come l’uva sultanina, o che generano piacevoli contrasti come le note agrumate del limone o, perchè no, anche frutta, come le pere.

Non per questo il plumcake deve per forza essere relegato alla categoria dei dolci: le sue varianti salate, particolarmente adatte per aperitivi e brunch, non faranno sfigurare il padrone di casa.

Aggiungendo pancetta, prosciutto, speck, piselli o altre verdure, è possibile ottenere degli antipasti creativi e originali.

Origini e storia

L’origine di questo dolce ben poco ha a che fare con l’aspetto a noi famigliare. Non è una creazione inglese, come erroneamente molti pensano, ma tedesca: ingrediente principale è la prugna e il suo aspetto, più compatto, ricorda quello di una crostata, più che di una ciambella. Il “pound cake”, è nato ben tre secoli fa, ed è un dolce tipicamente popolare, molto semplice da fare in quanto era sufficiente aggiungere circa 450 gr (appunto un pound) di ogni singolo ingrediente: uno di uova, uno di burro, uno di zucchero e naturalmente uno di farina.

Come preparare un plumcake leggero e salutare

La ricetta che vi presentiamo, oltre ad essere gustosa, salutare e ricca di principi nutritivi fondamentali (tra cui lo yogurt) è ideale per tutti coloro che non vogliono rinunciare al piacere del dolce, senza tuttavia sentirsi in colpa dopo il primo boccone.

Ingredienti

Vediamo subito gli ingredienti che ci servono:

  • Un vasetto di yogurt bianco
  • Due vasetti di zucchero
  • Tre vasetti di farina
  • Un vasetto di olio di semi
  • Un vasetto di latte
  • Una bustina di lievito
  • Scorza di arancia o limone
  • Zucchero a velo

Preparazione

Versate in una ciotola lo zucchero insieme allo yogurt.

Una volta mescolati, aggiungete sia il latte che l’olio, alternando qualche cucchiaiata di farina già precedentemente setacciata insieme al lievito per dolci.

Aggiungete quindi il sale e la scorza del limone o dell’arancia, continuando a mescolare fino a quando il composto non diventa omogeneo e privo di grumi. Se il composto risulta troppo denso, aggiungete qualche goccia di latte. Versate il composto in uno stampo per plumcake precedentemente imburrato e infarinato (se volete evitare di imburrare e infarinare, potete ricoprire lo stampo con carta forno versandovi direttamente tutto il composto).

Cuocete in forno preriscaldato a 180 gradi per circa 40 minuti. Fate la prova dello stuzzicadenti per verificate la cottura del plumcake. Prima di servire lasciate raffreddare, quindi spolveratevi sopra una generosa dose di zucchero a velo.

Quando e come gustare il plumcake

Questo plumcake è perfetto a colazione, a merenda, o come spuntino per concludere una serata tra amici.

Se mangiato a colazione insieme a una tazza di latte fornisce la giusta dose di energia e buonumore necessari ad affrontare la giornata. Se, invece, volete gustarlo alla fine della giornata, magari dopo una cena leggera, potete metterlo in tavola dopo averlo guarnito con della glassa all’arancia o al cioccolato.

Strumenti utili

Per dare al plumcake la sua forma caratteristica, non potete non avere lo stampo a forma di parallelepipedo che vi garantirà di ottenere il risultato migliore. Esistono diverse varianti di stampo ma le più utilizzate sono, essenzialmente, due: lo stampo in silicone e lo stampo con la cerniera apribile.

Lo stampo con la cerniera, che vi proponiamo di seguito, vi permetterà di ottenere una forma perfetta perchè non incorrerete nel rischio di rottura durante il capovolgimento.

Lo stampo in silicone, invece, è il più utilizzato e quello maggiormente venduto in quanto risulta essere molto pratico. Questo, che vi proponiamo di seguito, è anche dotato della spatolina per garantire una superficie omogenea al vostro risultato.

Ora che avete lo strumento fondamentale per poter sfornare il classico plumcake, non vi resta che divertirvi e provare!

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

dove si compra la quinoa
Cucina

Quinoa: dove si compra e quanto costa

di Notizie

Anche la dieta mediterranea, negli ultimi anni, si è arricchita di nuovi alimenti tipici di altre popolazioni. Tra questi, uno dei più apprezzati è la quinoa. Ecco dove trovarla.