Pochi istanti su Twitter e cambia la vita di un senza tetto di Liverpool COMMENTA  

Pochi istanti su Twitter e cambia la vita di un senza tetto di Liverpool COMMENTA  

 

Ci sono casi in cui azioni ripetute per anni non portano a nulla, ma, per contro, casi in cui un gesto di pochi secondi e modesto impegno attiva una catena di conseguenze in grado di rivoluzionare una vita.


Uno di questi gesti rivoluzionari potrebbe averlo compiuto il giovanissimo Aaron O’Dwyer, 18 enne di Liverpool.

Aaron, come qualunque suo coetaneo, si muove per la sua città, curioso e disponibile come chi ha qualche anno più di lui sconsiglia sempre di essere, in questa società vista sempre di più come pericolosa e meschina. Lui, invece, forte dei suoi pochi anni, si imbatte per caso in un senza tetto poco più grande di lui, il 23 enne Jordan Lockett e, senza cambiare strada, si lascia avvicinare da quest’ultimo.


Jordan vaga per Liverpool senza una meta precisa, tirando a campare almeno fino alla fine della giornata, poi si vedrà. Chiede pochi spiccioli ad Aaron, il quale non si rifiuta e, forse incuriosito dal fatto di vedere un vagabondo che potrebbe essere suo fratello maggiore, inizia a parlare con lui. Convenevoli, nulla più, ma dai quali Aaron apprende che Jordan ha fatto il meccanico per 2 anni, prima di ritrovarsi senza lavoro e senza un posto dove stare. “Imparo in fretta, mi basterebbe avere un’opportunità” potrebbe avergli detto Jordan, appena prima di porgere ad Aaron un foglio spiegazzato, con il suo curriculum scritto a penna, in blu.


Aaron ci pensa su qualche secondo, poi usa lo smartphone per fotografare il pezzo di carta, saluta e se ne va.

Al rientro a casa, posta la foto su Twitter, scrivendo di avere promesso a un giovane senza tetto di condividere il documento.

L'articolo prosegue subito dopo


In poche ore, le condivisioni diventano più di 2500 e, fra queste, una che potrebbe rivelarsi fondamentale, quella di due coniugi proprietari di un ristorante. Commossi dalla vicenda, hanno dichiarato di voler incontrare Jordan, “per vedere se sarebbe disposto a lavorare per noi. Gli possiamo insegnare a cucinare e a fare pubbliche relazioni”.

Ora la vita del senza tetto Jordan Lockett potrebbe cambiare, grazie al semplice fatto che qualcuno gli ha dedicato pochi minuti e, fatto per nulla trascurabile, ha trovato il modo di dare la massima risonanza alla vicenda.

Leggi anche

1 Trackback & Pingback

  1. Pochi istanti su Twitter e cambia la vita di un senza tetto di Liverpool | Ultime Notizie Blog

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*