Pokematch App per trovare l’amore: come funziona COMMENTA  

Pokematch App per trovare l’amore: come funziona COMMENTA  

pokematch app
pokematch app

Ecco come è possibile trovare la propria anima gemella scaricando e installando Pokematch App la nuova app che impazza in tutto il mondo

PokeMatch app è la nuova app che vi aiuterà a trovare l’anima gemella. Si tratta di una sorta di videogioco che ormai impazza tra gli utenti di tutto il mondo e che ci aiuterà a risolvere una volta per tutti i nostri problemi di cuore. Con Pokematch app sarà possibile coniugare la nostra la caccia ai Pokemon per fare anche conquiste con l’altro sesso. L’app può essere scaricata gratuitamente per dispositivi iOS e Android.

Effettuata l’installazione sul proprio dispositivo, smartphone o tablet, l’app di PokeMatch ci chiederà di inserire i nostri dati anagrafici e i gusti sessuali. Come avviene per altre app simili l’applicazione personalizza il proprio profilo dell’utente aggiungendo una biografia ed un filtro in base alla squadra di Pokèmon Go preferita tra le tre disponibili.

PokeMatch app fa anche riferimento all’API di Facebook, consentendo anche di poter importare i dati del profilo utente.

Una volta completata questa procedura si scorrono i profili degli ‘allenatori’ o allenatrici che vogliamo ‘accalappiare’ per farci dare una mano nella caccia ai Pokemon. Quando abbiamo trovato il profilo che ci interessa possiamo avviare una chat fissando un appuntamento presso uno dei Pokéstops o Palestre che si trovano nei vari luoghi della città.

La chat contenuta nella app ci consente di poter scambiare informazioni e stratagemmi per proseguire la nostra caccia, ma anche stringere amicizie e chissà magari trovare la nostra anima gemella.

Leggi anche

Tecnologia

Firma digitale: quante se ne possono avere

Nel nostro sistema giurisprudenziale, la firma digitale viene definita per la prima volta nel DPR 10 novembre 1997 n. 513 che disciplina la” formazione , l’archiviazione e la trasmissione di documenti con strumenti informatici e telematici”. Leggi tutto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*