Pokemon GO da pc: come giocare e con quale emulatore COMMENTA  

Pokemon GO da pc: come giocare e con quale emulatore COMMENTA  

pokemon go da pc

Grazie all’emulatore è possibile scaricare Pokemon GO da pc. Gli amanti del gioco che sta conquistando tutto il mondo, potranno giocarci sui pc Windows.

La domanda che si stanno facendo in tanti è “esiste Pokemon GO da pc?”. Molte persone infatti non possiedono un telefono all’avanguardia capace di reggere il contenuto del gioco. Inoltre va ricordato come Pokemon GO consumi molta batteria, molto di più di una normale applicazione per lo smartphone. Va considerato anche il fatto che per giocare a Pokemon Go bisogna muoversi per le strade, rendendo scomodo per la gente che magari sta lavorando e che abbia voglia di una semplice distrazione. Il gioco ha avuto subito successo grazie alla sua immediatezza e alla facilità di gioco: bisogna cercare i Pokemon più forti nella realtà, partendo da uno di quelli a scelta iniziali (Charmander, Bulbasaur e Squirtle).

Il gioco funziona con iOS e Android, mentre sul pc non è utilizzabile. Ma sarà vero? Grazie agli emulatori oggi è possibile portare Pokemon Go sui computer Windows, grazie al lavoro degli sviluppatori di Nox app player.

Come è possibile allora giocare? Il procedimento è molto semplice e permette di avere buoni risultati, anche se diversi (come è logico pensare) dall’esperienza su smartphone. Bisogna prima di tutto scaricare l’applicazione Nox app player (in pratica è un emulatore dei sistemi Android) e poi da esso installare l’apk del gioco. Dopo averlo scaricato basta semplicemente avviarlo e comandare il proprio personaggio grazie al mouse e alla tastiera.


Il modo di giocare con Pokemon GO da pc cambia vistosamente visto che è possibile controllare la mappa usando appunto mouse e tastiera, rimanendo quindi comodamente seduti su un divano o una sedia e non uscire di casa.

Ovviamente si tratta. come detto precedentemente, di un modo alternativo di giocare (magari per coloro che vogliono provarlo prima di scaricare il gioco sul proprio cellulare).

Leggi anche

Tecnologia

Firma digitale: quante se ne possono avere

Nel nostro sistema giurisprudenziale, la firma digitale viene definita per la prima volta nel DPR 10 novembre 1997 n. 513 che disciplina la” formazione , l’archiviazione e la trasmissione di documenti con strumenti informatici e telematici”. Leggi tutto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*