A Pokemon Go non si bara: bannati i giocatori che utilizzano imbrogli COMMENTA  

A Pokemon Go non si bara: bannati i giocatori che utilizzano imbrogli COMMENTA  

Gli sviluppatori del gioco più popolare di tutti i tempi si schierano contro a tutti quei siti che cercano di raggirare le regole del gioco, gli utenti che sceglieranno di non giocare correttamente verranno bannati.

Se si gioca, che gusto c’è a barare? In molti non la pensano così e pur di accaparrarsi la vittoria sono disposti a ricorrere a trucchetti illeciti che gli facilitino la missione. Anche sui giochi al pc, alla playstation e perfino per quelli del telefono c’è sempre il modo per farla franca usando delle retrovie, è capitato anche per il gioco di PokemonGo. La squadra di Niantic, che ha sviluppato la app, non ha però gradito questi sotterfugi che non sono assolutamente in linea con lo spirito del gioco.


Esistono infatti alcune applicazioni, create da altre aziende, che servono proprio a rendere più facile la ricerca e la cattura dei pokemon. Tra i metodi più popolari c’è anche un sito che mostra con esattezza la mappa della posizione dei pokemon più rari, così da indirizzare il giocatore direttamente nel luogo indicato.


La Niantic ha deciso di bannare dal gioco  tutti  gli utenti che utilizzeranno questo tipo di funzioni: “Il nostro obiettivo è quello di fornire una corretta, divertente e legittima esperienza di gioco per tutti.

Noi continueremo a lavorare con tutti voi per migliorare la qualità del gameplay, tra cui l’ottimizzazione continua e la messa a punto del nostro sistema anti-cheat”. A breve sarà disponibile l’aggiornamento del gioco, che vedrà migliorate le sue prestazioni e offrirà alcune novità come la presenza di nuovi pokemon o i PokeStop.

Leggi anche

robot da cucina
Tecnologia

Quattro robot da cucina a confronto

Quattro tra i migliori robot da cucina attualmente in commercio: ve li proponiamo, mettendo in highlight le caratteristiche di ciascuno di essi. I robot da cucina sono degli elettrodomestici sempre più utilizzati: dagli Stati Uniti, Leggi tutto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*