Polizia di New York, agenti addestrati con film anti-Islam COMMENTA  

Polizia di New York, agenti addestrati con film anti-Islam COMMENTA  

La locandina del documentario "The Third Jihad"

Circa 1500 agenti della polizia di New York sono stati costretti ad assistere per circa un anno a ripetute proiezioni del documentario anti-Islam “The third Jihad”, diretto da Erik Werth. Già un anno fa il dipartimento di polizia di New York aveva provato a negare questa prassi, ma una richiesta dell’Università di New York basata sulla Freedom of Information Law ha costretto il dipartimento a rendere pubblici i documenti interni sull’utilizzo del film.


Secondo quanto rivela il New York Times il documentario veniva regolarmente proiettato durante il reclutamento , in occasione delle visite mediche e dell’orientamento dei nuovi agenti.


Nel film sono presenti varie dichiarazioni, quali quella del presidente iraniano Mahmud Ahmadinejad alla Columbia University , quando dichiarò che “non esistono omosessuali in Iran”; in altre il gruppo integralista newyorkese “Islam thinkers society” chiede l’imposizione della legge islamica.


Non potevano mancare le interviste all’ex sindaco di New York Rudolph Giuliani, al senatore del Connecticut Joe Lieberman e al capo della polizia Ray Kelly, non proprio tenere nei confronti dei seguaci di Allah.

L'articolo prosegue subito dopo


Dura la reazione dei newyorkesi musulmani: varie associazioni hanno protestato di fronte alla sede del municipio, e l’Islamic Circle of North America ha chiesto le dimissione di Ray Kelly.

La locandina del documentario "The Third Jihad"

Leggi anche

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*