Poliziotto folle ingoia 40 coltelli, estratti uno per uno - Notizie.it

Poliziotto folle ingoia 40 coltelli, estratti uno per uno

Esteri

Poliziotto folle ingoia 40 coltelli, estratti uno per uno

Quando i medici indiani hanno ricoverato un paziente per quel che credevano fosse il principio di un tumore hanno scoperto che nello stomaco dell’uomo c’erano numerosi coltelli

Questo agente di polizia ricoverato per sospetto di tumore deve aver senz’altro guardato da piccolo troppe volte il cartone di Braccio di Ferro, pensando che forse ingerendo oggetti metallici avrebbe assimilato più ferro che con gli spinaci! Il capochirurgo dell’ospedale di Amristar, l’Amristar Corporate Hospital nello stato di Punjab in India, ha raccontato la sua esperienza esterrefatto ai giornalisti.

La settimana scorsa un uomo aveva consegnato le sue ecografie e dal check sembrava soffrire a causa di una grossa massa tumorale. Il paziente è stato chiamato all’ospedale per essere operato ma prima di cominciare i dottori hanno effettuato altri accertamenti con strumenti specifici e, grazie alla tomografia computerizzata, hanno scoperto di cosa si trattava realmente. Jatinder Malholtra, il capochirurgo, ha dichiarato: «nello stomaco del paziente era stato identificato un gran numero di oggetti simili a coltelli».

Proprio così, l’uomo aveva ingerito numerosi oggetti con lunghe lame di sua spontanea volontà.

Il medico ha spiegato: « Quando è cominciato l’intervento chirurgico abbiamo subito trovato, uno dopo l’altro i coltelli, molti chiusi, ma alcuni aperti e lunghi quasi 18 centimetri. In 20 anni di professione non avevo mai visto una cosa del genere. E se non fossimo intervenuti, presto il paziente sarebbe morto per le ampie ferite interne che si era prodotto». E’ stata un’operazione molto lunga che si è conclusa dopo 5 ore, inutile dire che il paziente verrà ricoverato anche per disturbi psichiatrici, tentando di capire cosa lo ha spinto a compiere questo folle gesto che stava attuando da due mesi a questa parte.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche