Pollina Resort assume in Sicilia COMMENTA  

Pollina Resort assume in Sicilia COMMENTA  

Aeroviaggi, un famoso tour operator, ha portato a termine l’acquisizione del Pollina Resort (ex Valtour), situato a 70 km da Palermo.

Il Gruppo ha in previsione investimenti per più di 16 milioni di euro, si creeranno in tale modo circa 100 nuovi posti di lavoro. La struttura aprirà i battenti nel mese di aprile del prossimo anno.

Leggi anche: Caserta: possibilità di inserimento per diplomati e laureati

In questo modo Aeroviaggi rafforza ulteriormente la leadership nel settore alberghiero in Sicilia; questo con più di 6.200 posti letto e 10 strutture alberghiere in gestione sull’isola.

Leggi anche: Nuove assunzioni per l’aereoporto di Olbia

Vediamo, ora, di dare in sintesi qualche informazione sul Pollina Resort. Il complesso alberghiero si sviluppa su di una enorme area della superficie di 300mila metri quadrati, conta 690 posti letto, distribuiti su 346 camere, di queste ultime 250 sono con vista mare. Inoltre il Resort conta su 3 ristoranti, 3 bar, una piscina ubicata su di una terrazza belvedere ed altro ancora. Molto accogliente è il reparto sportivo e benessere, composto da 7 campi da tennis, basket, beach volley, calcetto e pallavolo. Oltre a questo è anche presente un beauty center.

Secondo delle stime, l’acquisizione del nuovissimo Resort darà luogo alla creazione di 100 nuovi posti di lavoro; le assunzioni saranno rivolte alle classiche figure impiegate in campo turistico-alberghiero. Esse sono, quindi, le seguenti: camerieri, animatori, responsabili, addetti alle pulizie, receptionist, chef e diversi altri profili.

L'articolo prosegue subito dopo

Allo stato attuale delle cose non sono ancora trapelate delle indiscrezioni relative ai dettagli sulle offerte di lavoro al Pollina Resort. Le persone interessate possono inviare il proprio curriculum vitae per mezzo della sezione “Lavora con noi” del sito web della società Aeroviaggi, questo in attesa delle nuove selezioni nella struttura.

Leggi anche

opec
Economia

Ecco cosa dice il nuovo accordo dell’OPEC

Dopo 8 anni l’OPEC ha trovato un accordo per la riduzione della produzione di petrolio: circa 1,2 mln di barili in meno al giorno. Coinvolta anche Mosca. L’OPEC, l’organizzazione dei Paesi esportatori di petrolio, ha appena siglato un nuovo accordo quadro. E’ la prima volta che accade una cosa del genere da otto anni a questa parte ed è un risultato arrivato al termine di una trattativa molto complessa, che vedeva contrapposti i tre principali produttori mondiali, Arabia Saudita, Iraq e Iran. In più, il nuovo accordo ha coinvolto anche Paesi che dell’OPEC non fanno parte, come la Russia. L’effetto Leggi tutto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*