Ponente e levante genovese separati per dieci ore dallo sciopero dei lavoratori della Fincantieri COMMENTA  

Ponente e levante genovese separati per dieci ore dallo sciopero dei lavoratori della Fincantieri COMMENTA  

Se non era proprio uno dei vecchi scioperi dei camalli genovesi, duri e puri, poco ci mancava. Nella giornata di ieri infatti una manifestazione dei lavoratori della Fincantieri ha bloccato per dieci ore il traffico nel ponente genovese per via di una trattativa falllita.

Leggi anche: Scuola S.Maria ad Nives: #scattalasostenibilità

Lo sciopero duro, scelto dai lavoratori della Fincantieri, è stato causato dal mancato pagamento del premio di produzione (750 euro). Gli scioperanti hanno bloccato l’Aurelia in via Soliman, a Sestri Ponente, separando di netto in due zone la città rendendo impossibile spostarsi tra Ponente a Levante, tanto che i bus Amt potevano arrivare solamente fino a Sestri o Multedo e da lì tornare indietro, impossibilitati a raggiungere piazza Caricamento-Voltri.

Leggi anche: I robot del Salone Orientamenti

La protesta era cominciata lunedì sera con l’ occupazione dell’azienda e il successivo tentativo di mediazione tra le parti, avvenuto in prefettura, non è andato in porto.

Per quanto dichiara Sandro Scarrone, direttore del personale,: “i cantieri non hanno raggiunto i livelli di efficienza richiesti “. Ma a questa dichiarazione fa muro Bruno Manganaro della Fiom Cgil: “Abbiamo consegnato navi militari, navi da crociera e mercantili secondo i piani.

L'articolo prosegue subito dopo

C’è in ballo il futuro della Fincantieri” …continua.

Leggi anche

Robofriend
Genova

I robot del Salone Orientamenti

Si è svolta la settimana scorsa il Salone Orientamenti, la più importante iniziativa a livello regionale riguardo le opportunità formative e lavorative sul territorio, organizzato dalla Regione in collaborazione l'Università di Genova, la Camera di Commercio e l'Ufficio Scolastico Regionale. Tema di fondo di questa ventunesima edizione sono state le new skills, le nuove competenze richieste dalle aziende a livello europeo per le quali le istituzioni formative del nostro territorio hanno avviato da alcuni anni progetti innovativi. Non si tratta solo della formazione universitaria, il percorso comincia in maniera più incisiva nella scuola secondaria. Esempio di questo è l’iniziativa avviata Leggi tutto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*