Pornostar cannibale cerca un nuovo amore: L’annuncio dal carcere COMMENTA  

Pornostar cannibale cerca un nuovo amore: L’annuncio dal carcere COMMENTA  

Non si arrende neanche dietro le sbarre Luka Magnotta, il pornodivo canadese condannato all’ergastolo nel dicembre scorso per aver ucciso nel 2012 il suo fidanzato, lo studente cinese Jin Lin, e, dopo averlo fatto a pezzi, aver mangiato parti del cadavere e averne inviate altre per posta in giro per il Canada.

Dopo quello che ha fatto spera ancora che qualcuno possa essere interessato ad avere un rapporto con lui. Il porno attore si è iscritto a Canadian Inmates Connect Inc., un sito di incontri per detenuti che cercano potenziali partner.


Il suo profilo è stato pubblicato domenica insieme a due foto in camicia bianca sbottonata: Luka, che si descrive come un 33enne single, bianco, capelli scuri e occhi blu, interessato a trovare un partner maschio bianco e in forma tra i 23 e i 38 anni, prevede di uscire dal penitenziario di Archambault, in Quebec, nel 2037. La sua condanna all’ergastolo, infatti, prevede la possibilità di una libertà condizionale dopo 25 anni. «Cerco un uomo fedele – scrive Luka – preferibilmente educato, finanziariamente ed emotivamente stabile per un rapporto a lungo termine. Chi pensa di poter essere il mio principe azzurro mandi una lettera dettagliata con almeno due foto. Risponderò solo a chi riterrò compatibile».


Melissa Fazzina, fondatrice del sito d’incontri quattro anni e mezzo fa, ha detto che Luka le ha inviato le informazioni attraverso un contatto e che la richiesta d’attivazione e i 35 dollari d’iscrizione sono arrivati per posta ordinaria dieci giorni fa. I detenuti, infatti, non hanno accesso a Internet.

L'articolo prosegue subito dopo


«Sono rimasta sorpresa nel vedere il nome di Magnotta sulla domanda» ha detto Melissa, aggiungendo di aspettarsi delle reazioni contro la sua decisione di accettare la richiesta. Il sito comprende 101 annunci per detenuti maschi e uno per una detenuta donna, tutte persone in carcere per omicidi, tentati omicidi e violenza sessuale. Fazzina consiglia agli utenti di procedere con molta cautela.

Leggi anche

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*