Porto, prossimo avversario in Champions della Juve: dal 2004, 583 milioni di cessioni

Calcio

Porto, prossimo avversario in Champions della Juve: dal 2004, 583 milioni di cessioni

Porto, prossimo avversario in Champions della Juve: dal 2004, 583 milioni di cessioni
Porto, prossimo avversario in Champions della Juve: dal 2004, 583 milioni di cessioni

I lusitani del Porto sono maestri nelle plusvalenze del calciomercato. Ecco il segreto per restare ai vertici della Champions: 583 milioni per 20 giocatori.

L’elisir per conquistare la Champions League? Acquistare a poco e vendere a molto. Poi investire ancora e far girare la ruota delle plusvalenze. Semplice. Il Porto ha trovato la pietra filosofale di un sistema che si sta rivelando davvero vincente. Sia dal punto di vista economico che di quello, ovviamente, sportivo. Eccezion fatta per il discusso e discutibile rapporto con il più potente tra i procuratori sportivi: Jorge Mendes. Su di lui, hanno puntato i fari Fifa, Uefa e le rivelazioni di Football Leaks. Il Porto affronterà la Juventus negli ottavi di finale della Champions League e si riconferma una società unica nel panorama europeo. Perchè è da oltre un decennio che lavora in questo modo. E che raccoglie risultati in campo, macinando guadagni. Insomma, i lusitani vogliono (e ottengono) la botte piena e moglie ubriaca.

Parliamo di cifre sono da capogiro.

Negli ultimi 12 anni, infatti, (dal 2004, anno del trionfo contro il Monaco in Champions) la società di Nuno Pinto da Costa ha messo in tasca 583 milioni di euro movimentando ben 20 calciatori sul mercato. Tradotto: 20 cessioni record che hanno permesso al team portoghese di ricavare una mole di denaro e tenere il bilancio quasi costantemente in attivo, arricchendo Mendes e fornendo il denaro per ricominciare da capo la giostra. Vertiginoso.

Ora vediamo quali sono state le 5 cessioni più ricche della storia del Porto. Perchè è dal 2004, con Mourinho in panchina, che il Porto non smette di vincere. 7 volte campione di Portogallo, 7 Supercoppe di Portogallo, 1 Europa League, 1 Intercontinentale e 4 coppe locali. Non male, eh?

  1. Falcao all’Atletico Madrid, nel 2009 – 51,3 milioni di euro
  2. Hulk allo Zenit San Pietroburgo, nel 2012 – 60,4 milioni di euro
  3. James Rodriguez al Monaco, nel 2013 – 50 milioni di euro
  4. Eliaquim Mangala al Manchester City, nel 2014 – 40 milioni di euro
  5. Jackson Martinez all’Atletico Madrid, nel 2015 – 37 milioni di euro

A voi i conti.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche