Possibilità per aspiranti infermieri: concorso all’Ospedale di Cagliari COMMENTA  

Possibilità per aspiranti infermieri: concorso all’Ospedale di Cagliari COMMENTA  

Infermieri
Infermieri

Diciannove posti disponibili per la qualifica di Collaboratore sanitario, vale a dire di infermiere, presso l’ospedale di Cagliari.

Ecco i requisiti per partecipare al concorso che scade il 16 gennaio 2012.

Leggi anche: Leggi anti graffiti


Requisiti:
a) Cittadinanza italiana o equivalente.
b) Idoneità fisica all’impiego: l’accertamento è effettuato a cura dall’Azienda Ospedaliero Universitaria.
c) Godimento dei diritti civili e politici.

Requisiti specifici:
1. Laurea di I livello in Infermieristica (classe SNT/1 Classe delle Lauree in professioni sanitarie infermieristiche e professione sanitaria ostetrica) ovvero Diploma universitario di Infermiere conseguito ai sensi dell’art. 6, comma 3, del D. Lgs. 502/92, e successive modificazioni, o altro diploma equipollente ai sensi del D.M. 27/7/2000;
2. Iscrizione al relativo Albo professionale.

Leggi anche: Pareggio per il Catania contro il Cagliari


Le prove sono tre, una prova scritta su elementi di assistenza infermieristica di base e specialistica, assistenza al paziente in situazioni critiche, elementi di diritto sanitario, di etica e di deontologia professionale e su elementi di organizzazione sanitaria ospedaliera.


La prova pratica è relativa a tecniche specifiche o predisposizione di atti connessi alla qualificazione professionale richiesta, mentre la prova orale è sulle materie della prova scritta.

Leggi anche

opec
Economia

Ecco cosa dice il nuovo accordo dell’OPEC

Dopo 8 anni l’OPEC ha trovato un accordo per la riduzione della produzione di petrolio: circa 1,2 mln di barili in meno al giorno. Coinvolta anche Mosca. L’OPEC, l’organizzazione dei Paesi esportatori di petrolio, ha appena siglato un nuovo accordo quadro. E’ la prima volta che accade una cosa del genere da otto anni a questa parte ed è un risultato arrivato al termine di una trattativa molto complessa, che vedeva contrapposti i tre principali produttori mondiali, Arabia Saudita, Iraq e Iran. In più, il nuovo accordo ha coinvolto anche Paesi che dell’OPEC non fanno parte, come la Russia. L’effetto Leggi tutto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*