Poste da lunedì nuovi orari, non mancano le proteste dei sindacati COMMENTA  

Poste da lunedì nuovi orari, non mancano le proteste dei sindacati COMMENTA  

Rivoluzione negli orari degli uffici postali.

La direzione generale di Poste Italiane ha deciso di modificare gli orari di apertura e chiusura al pubblico su tutto il territorio nazionale.


La novità entra in vigore già dal prossimo lunedì: i cambiamenti non saranno radicali, poiché il tempo di apertura per gli utenti rimarrà lo stesso, ma verranno modificati comunque l’orario di accesso e di chiusura degli uffici..
Porte aperte dalle 8, 25 alle 19, 10 per tutti gli uffici che lavorano sul “doppio turno” mattina-pomeriggio e dalle 8, 25 alle 13, 35 per quanti osservano invece il “turno unico”.


Per gli uffici più piccoli, quelli in cui è presente  il cosiddetto “mono o bi-operatore”, il nuovo orario sarà dalle 8, 15 alle 13, 45. Il sabato sia gli uffici a “doppio turno” che quelli a “turno unico” saranno accessibili dalle 8,25 alle 12, 35, mentre gli altri dalle 8, 15 alle 12, 45.


Le novità, comunicate dall’azienda soltanto 48 ore prima l’entrata in vigore dei nuovi orari, ha fatto infuriare i sindacati di categoria, che hanno rotto immediatamente le relazioni sindacali e si sono riservati di promuovere azioni energetiche per protestare innanzitutto contro la decisione di agire unilateralmente, senza un confronto con i lavoratori.

L'articolo prosegue subito dopo

Come ha dichiarato Luciana Monti segretaria provinciale della Slp Cisl : “La modifica degli orari si ripercuoterà sul pubblico ma anche sui dipendenti, che di punto in bianco si vedono anticipato l’ingresso in azienda. Chi verrà fortemente penalizzato saranno soprattutto i genitori che devono portare i bambini a scuola e che, considerato il modus operandi dell’azienda, non hanno nemmeno il tempo per organizzarsi”.

Leggi anche

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*