Pozzuoli: la piena riversa sex toys sulla spiaggia di Licola

Cronaca

Pozzuoli: la piena riversa sex toys sulla spiaggia di Licola

sex toys
La piena riversa sex toys sulla spiaggia di Licoli

Un mare di sex toys sulla spaggia di Licola: la piena li riversa tutti sulla spiaggia.

Da Pozzuoli una notizia che potrebbe far sorridere se non fosse tragica per la salute delle nostre spiagge. Come spesso succede, le piogge cadute negli scorsi giorni hanno aumentato la piena dell’alveo dei Camaldoli, provocando riversamenti sull’arenile di Licola. Cosa è arrivato, tra tutti gli altri rifiuti, sulla spiaggia? Alcuni sex toys!

Questo il singolare bottino ritrovato sulla spiaggia dai volontari dell’associazione Licola Mare Pulito. Sono infatti stati raccolti diversi giocattoli di plastica di forma fallica. Non è casuale che sia successo proprio su quell’arenile, spesso soffocato da rifiuti arrivati dal mare.

Come ha dichiarato Umberto Mercurio, presidente dell’associazione Licola Mare Pulito: “Questo canale porta alla fine del suo percorso davvero di tutto. Nel corso degli anni auto, rifiuti, scarti industriali, carogne di animali. Uno spettacolo raccapriciante che denunciamo da anni. Mai prima d’ora però ci era capitato di vedere sull’arenile riversati dall’alveo dei Camaldoli dei sex toys.

Quando li abbiamo visti ci abbiamo riso su perché non potevamo fare altro.”.

“Ma buttarlo in una discarica da persone civili e non nell’alveo dei Camaldoli non sarebbe stato meglio? La piena di questi ultimi giorni – spiega – ha portato di tutto sulla spiaggia e noi cittadini di Licola siamo stanchi di assistere ad ogni pioggia a questo spettacolo indecente sul litorale. Potrebbe essere una passeggiata straordinaria con le isole del golfo sullo sfondo e nel pieno dei Campi Flegrei. Invece, è diventata un ricettacolo di rifiuti per gli incivili che sversano lungo l’alveo dei Camaldoli.”.

sex toys Camaldoli e Lìcola

L’alveo dei Camaldoli è lungo 24 chilometri e fu costruito dai Borboni. Un canale che negli anni, sempre per le intense piogge, è stato un vero e proprio cimitero di animali con topi grossi come conigli morti o vivi che galleggiavano. per poi riversarsi sull’arenile.

Lìcola è una località della città metropolitana di Napoli che prende il nome dal Lago di Licola, il quale ne occupava anticamente la maggior parte della superficie.

Oggi conta pressappoco cinquemila abitanti, di cui quattromila residenti.

È una fascia di terra rivolta verso il mare, larga tre chilometri e lunga una decina di chilometri circa, che inizia a circa un chilometro dal Monte di Cuma e termina da un lato con Varcaturo e dall’altro con la località La Schiana.

Licola si estende il Parco Regionale dei Campi Flegrei, che preserva le dune ed il particolare habitat presente nella zona, dichiarato sito di intersse comunitario e zona di protezione speciale per la rarità di specie che ospita, come il Giglio di Mare.

La parte nord del territorio è inserita nella Riserva naturale Foce Volturno – Costa di Licola. Lungo la costa si estende la sempre più rara foresta mediterranea sempreverde o chiamata dagli antichi autori che vivevano a Cuma: Silva Gallinaria.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche