Prandelli e Stramaccioni COMMENTA  

Prandelli e Stramaccioni COMMENTA  

L'allenatore ai tempi della militanza atalantina

 

Il 9 aprile una gradita sorpresa ad Appiano Gentile; ospite l’allenatore della nazionale maggiore: Cesare Prandelli (nella foto ai tempi della sua militanza atalantina, fine anni 70) che ha fatto visita alla squadra nerazzurra.


Intervistato dai giornalisti di Inter Channel Prandelli si è detto molto soddisfatto dell’ambiente, del clima e dell’entusiasmo dei giocatori.

Positivo anche il confronto con il neo tecnico Stramaccioni; Prandelli ha elogiato il giovane collega catapultato in una situazione molto delicata.


A detta di Prandelli, Stramaccioni non si è fatto condizionare dalle situazioni contingenti ed è riuscito a rimanere se stesso e a portare entusiasmo e sicurezza nell’ambiente.


Seguivano poi, da parte dei giornalisti, le domande di rito sui prossimi impegni europei della nazionale e sulle giovanili, serbatoio delle squadre di serie A e conseguentemente della nazionale.

L'articolo prosegue subito dopo


Ovviamente Prandelli auspicava che tutti i club possano far crescere i giovani affinchè questi possano corroborare la nazionale maggiore.

Una piccola parentesi, penso sia doveroso ricordare che a Fabio Capello venne affidato la gestione della 1° squadra del Milan post Sacchi, Capello ai tempi non era il consumato tecnico che è oggi.

Proveniva dalle giovanili e a livello di 1° squadra aveva una piccola esperienza risalente al campionato 1986-87, allorchè era subentrato a Liedholm.

Capello era stato fortemente voluto da Berlusconi ma erano in molti che presagivano un rapido licenziamento, molti addetti ai lavori lo giudicavano uno “yesman”.

Capello raccolse nel 1991 una squadra di giocatori che molti reputavano ormai bolliti; con questi giocatori però rifondò un ciclo vincente.

Ora è vero che nulla è scontato, però alcune analogie sembrano esserci, è anche vero, purtroppo, che se Sacchi a Milano sponda Milan vinse due coppe dei Campioni, Orrico con l’Inter e Maifredi con la Juve fecero solo disperare tifosi e dirigenti.

 

Cereda Stefano

Leggi anche

About Stefano Cereda 439 Articoli
Laureato in Scienze Storiche all'Università Statale di Milano, relatore in un convegno patrocinato dalla Provincia di Lecco sui 150 anni dell'Unità d'Italia, per il medesimo convegno autore di un saggio sul Risorgimento.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*