Presentate a Vinovo le manifestazioni per il centenario dalla nascita di Giovanni Valetti

Torino

Presentate a Vinovo le manifestazioni per il centenario dalla nascita di Giovanni Valetti

Con la conferenza stampa che si è tenuta giorni fa al Castello della Rovere, a Vinovo sono iniziate le manifestazioni per il centenario della nascita di Giovanni Valetti, campione del ciclismo degli anni 30, cittadino vinovese onorario, ingiustamente dimenticato ma capace di vincere il Giro d’Italia nel 1938 e 1939 ed il Tour de la Suisse nel ‘38, prima che la Seconda Guerra Mondiale interrompesse la sua carriera.

Alla presentazione ufficiale delle manifestazioni sono intervenuti il Sindaco di Vinovo Maria Teresa Mairo, il Vice-Presidente della Provincia di Torino e Presidente del CONI Piemonte Gianfranco Porqueddu, la Vice-Presidente della Federazione Ciclistica Italiana Daniela Isetti, il Vice-Sindaco e Assessore allo Sport del Comune di Vinovo Francesco Cerulli, i giornalisti sportivi Beppe Conti e Franco Bocca, i figli del grande campione vinovese Onorina e Carlo Valetti, due campioni piemontesi del passato del calibro di Franco Balmamion ed Italo Zilioli, i responsabili dell’associazione culturale H12, organizzatrice degli eventi.

Maria Teresa Mairo, prima cittadina di Vinovo, ha sottolineato che la comunità locale si sta riappropriando della propria memoria storica, tributando il giusto riconoscimento al campione del pedale degli anni ‘30, a cui è stata intitolata una importante strada, la circonvallazione che consente di superare agevolmente il centro abitato.

Sarà proprio via Valetti la sede di arrivo della corsa ciclistica Memorial Giovanni Valetti. Il Vice-Presidente della Provincia, Gianfranco Porqueddu, ha espresso soddisfazione per il risalto che i mass media stanno dando alle celebrazioni in onore del campione vinovese, ponendo rimedio ad una sorta di oblìo che ne aveva avvolto la figura ed il valore tecnico ed agonistico. La Vice-Presidente della FCI Daniela Isetti ha sottolineato il forte legame tra i campioni del ciclismo ed il loro territorio, testimoniato dal recupero della memoria di Valetti da parte della comunità vinovese. Beppe Conti ha ricordato un episodio rimasto scolpito nella storia del ciclismo: il duello Valetti-Bartali nella tappa del Tonale del Giro d’Italia 1939, che vide il campione piemontese battere il fuoriclasse toscano sul suo terreno preferito, le salite. Alla figura di Valetti ed alle sue imprese Beppe Conti ha dedicato un ricordo filmato che andrà in onda stasera alle 20 su Rai Sport 2, nella rubrica “Radio Corsa”.

IL PROGRAMMA DELLE MANIFESTAZIONI

Sabato 21 settembre alle 18 sotto l’Ala Comunale Don Donadio, alla presenza delle autorità e dei familiari di Valetto, sarà inaugurata una mostra che propone fotografie, cimeli e bici d’epoca.

Sarà inoltre scoperta una targa commemorativa. Domenica 22 settembre la mostra sarà visitabile a partire dalle 9. La giornata del 22 proporrà momenti di sport, gioco e cultura dedicati a famiglie, bambini, cicloamatori ed appassionati di ciclismo. Il centro del paese sarà chiuso alle auto e sarà a disposizione di pedoni e ciclisti. L’associazione commercianti locale ha concordato con il Comune un’apertura festiva straordinaria dei negozi, che proporranno vetrine dedicate all’evento. Saranno inoltre allestiti nelle vie del centro storico un mercatino dell’antiquariato ed uno enogastronomico. Alle 14,30 da via del Castello prenderà le mosse una corsa ciclistica inserita nel calendario UDACE, con varie categorie partecipanti. Alle 15 in piazza Marconi inizieranno le attività ludiche e di animazione per bambini e famiglie. Alle 17.30 è in programma nella medesima piazza la premiazione della corsa ciclistica. Seguiranno un incontro con scrittori e giornalisti sul tema “Valetti e gli anni ‘30” e la presentazione del libro ”Giovanni Valetti.

Il campione che sconfisse il mito”, scritto da Carlo Delfino e Giampiero Petrucci. Alle 19 ci sarà una cena all’aperto, alle 20,30 unoslide show curato dall’ Arci con i migliori scatti fotografici realizzati durante la giornata, alle 21 la proiezione del film documentario “Giovanni Valetti. Il campione dimenticato”, seguita dal concerto della Donkey Tonkey Sugar Band. Per coloro che arriveranno a Vinovo in bicicletta è previsto uno spazio apposito per la custodia sorvegliata dei mezzi.

Come detto, le manifestazioni si svolgeranno in occasione del centenario della nascita del campione, avvenuta a Vinovo in una cascina in via Cottolengo. L’associazione culturale H12, il Comune ed alcuni vinovesi appassionati di ciclismo, hanno organizzato gli eventi per promuovere il recupero della memoria storica di un personaggio che fu per alcuni anni protagonista delle cronache sportive internazionali. La carriera di Valetti fu breve ma intensa, in un epoca fatta di sudore, fatica e scarsi guadagni.

Nel 1937 giunse secondo al Giro d’Italia, dietro a Gino Bartali, nel ’38 vinse con Bartali assente, ma trionfò anche nel nel Tour de la Suisse. Nel 1939, poi, si rese protagonista di una delle imprese più leggendarie del ciclismo, rovesciando la classifica a due tappe dal termine della corsa, lasciando un imbattuto Bartali sul secondo gradino del podio. Nonostante queste imprese, di Valetti si conosce poco: gli eventi sono quindi un riconoscimento postumo. L’associazione H12 ha realizzato un film documentario sul campione, che pone l’attenzione anche sul movimento ciclistico e sul contesto sociale della sua epoca.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*