Pressione sanguigna: come si calcola?

La pressione sanguigna è la pressione del sangue circolante contro pareti dei vasi sanguigni. Questa misura, che è di solito presa utilizzando uno stetoscopio, un manometro ed un apposito polsino gonfiabile avvolto intorno ad un braccio, fornisce un indicatore rapido della salute di una persona. I polsini della pressione arteriosa devono essere adeguatamente applicati e gonfiati per poter misurare correttamente i valori della pressione sanguigna. Ma come si fa ad interpretare i valori, e come funziona il tutto?

La pressione sanguigna è misurata in millimetri di mercurio – scritto come mmHg – perché, storicamente, i calcoli della pressione sanguigna venivano basati su una colonna di mercurio spostato dalla pressione generata dal battito cardiaco e misurata poi in millimetri. Oggi, le macchine digitali per misurare la  pressione sanguigna sono in grado di calcolare accuratamente la pressione in modo automatico e veloce.

Leggi anche: Lastminute Toscana – CALENZANO FIRENZE – ART MIRO´ HOTEL 4 Stelle – Camera Standard + Percorso Benessere Elite 144 euro


Pressione arteriosa sistolica
La pressione arteriosa sistolica misura quante volte il ventricolo sinistro si contrae per far circolare il sangue attraverso il corpo. In un adulto, una pressione nella norma deve essere di 120/80, in cui la “massima” (il primo numero) indica proprio  la pressione sistolica.

Leggi anche: Raduno internazionale per la ricerca sui linfomi


Pressione arteriosa diastolica
la pressione diastolica, invece, misura la pressione nei vasi sanguigni quando le camere cardiache sono rilassate e si riempiono di sangue, per dirla semplice. Basandoci ancora su un risultato nella norma, di 120/80, la diastole è il secondo numero, ed indica quindi la “minima”.

Pressione arteriosa
Per calcolare la pressione arteriosa (BP)  si deve moltiplicare la gittata cardiaca (CO) con la resistenza vascolare (VR):

BP = CO x VR

La gittata cardiaca è la velocità del flusso sanguigno prodotto dal cuore. La resistenza vascolare è la resistenza dei vasi sanguigni al flusso sanguigno, che è influenzato dal volume del sangue e dalle dimensioni dei vasi sanguigni.

Leggi anche: A Cagliari ritorna il “Turisport”


Pressione arteriosa media
La pressione arteriosa media (MAP) è conteggiata utilizzando l’equazione:
MAP = [(2 x diastolica) + sistolica] / 3

Il MAP misura la pressione sanguigna media nell’arco del ciclo cardiaco di sistole e diastole. Perché il cuore passa il doppio del tempo in diastole, mentre le camere si riempiono di sangue, la diastole conta il doppio della sistole.

L'articolo prosegue subito dopo

Leggi anche: Terme di Merano offerta formato famiglia


Normali valori medi di pressione arteriosa per gli adulti sono compresi tra 70 e 110. Se il MAP scende sotto i 60, significa che cuore, cervello e reni non ricevono abbastanza sangue ed ossigeno per funzionare.

Leggi anche: Consigli per vacanze-relax, alla ricerca della cura di corpo e mente


Considerazioni
Il cuore, il cervello, i reni, il sistema nervoso e gli ormoni lavorano insieme per regolare la pressione sanguigna. Se la pressione sanguigna è troppo alta o troppo bassa, c’è il rischio di un’insufficienza cardiaca o renale. Una pressione sanguigna in stato di  riposo nella norma è, per la  sistolica (il primo valore) inferiore a 120 mmHg, e per la  diastolica (il secondo valore) inferiore a 80 mmHg. Coerentemente, la  pressione arteriosa bassa o alta può essere corretta con i farmaci e mediante cambiamenti nella dieta e nell’esercizio fisico.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*