Preziosi: non la Ducati di Rossi ma la Ducati di tutti

Moto

Preziosi: non la Ducati di Rossi ma la Ducati di tutti

Durante la conferenza tenuta al Wroom l’ingegner Filippo Preziosi ha svelato alcune delle caratteristiche principali della Desmosedici, con la sua grande precisione e dovizia di particolari non si è risparmiato in dettagli e cofronti rispetto alla moto, o alle moto, messe in pista da Ducati durante tutto il 2011. Nelle parole di Preziosi di legge che a Sepang si vedrà in pista una moto concettualmente molto diversa dalla “GPzero” vista a Valencia. In quell’occasione infatti il prototipo provato da Rossi aveva il telaio perimetrale in alluminio ma tutto il resto era quello della moto “vecchia”. Questo per dar modo di effettuare le dovute comparazioni fra i telai a partià di tutte le altre condizioni. Sulla GP12 invece le differenze riguardano il telaio, il motore, il serbatoio il forcellone…Insomma resta ben poco in comune con quella che tutti conoscono come Desmosedici, se non nelle forme visto che le carenature saranno davvero molto simili a quelle già conosciute. Fra i commenti circa le difficoltà incontrate dalla Rossa e da Valentino la scorsa stagione il direttore tecnico di Ducati corse ha dichiarato senza esitazione che questa Motogp non sarà una moto con la quale potrà andare forte solo il pilota di punta, come successo in passato con Stoner. Da quando è stato ingaggiato l’italiano di Tavullia l’obbiettivo è sempre stato quello di realizzare e mettere a punto una moto con la quale possano andare forte anche i piloti dei team privati, o comunque di avere una base tecnica molto più competitiva rispetto al passato.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Leggi anche

Loading...
Andrea Rei 48 Articoli
I campioni non si fanno nelle palestre. I campioni si fanno con qualcosa che hanno nel loro profondo: un desiderio, un sogno, una visione. Devono avere l'abilità e la volontà. Ma la volontà deve essere più forte dell'abilità.
Contact: