Prima Di Natale, poi Fabregas. Una buona Italia pareggia con la Spagna COMMENTA  

Prima Di Natale, poi Fabregas. Una buona Italia pareggia con la Spagna COMMENTA  

Antonio Di Natale, 34 anni
Antonio Di Natale, 34 anni

Nel match d’esordio del Gruppo C di Euro 2012, l’Italia pareggia 1-1 con la Spagna.

Scongiurate, così, le infauste premesse della vigilia. Dopo la sconfitta per 0-3 con la Russia, si temeva il naufragio di fronte alla Spagna campione d’Europa e del mondo, vista anche l’emergenza in difesa. Prandelli, al posto di Barzagli infortunato, schiera De Rossi come centrale, ma non è l’unica sorpresa tra i 22 in campo: Del Bosque non schiera attaccanti di ruolo e decide di ricorrere al 4-3-3, con Silva, Fabregas e Iniesta in avanti.


Nonostante il maggiore possesso palla e la superiorità tecnica delle Furie Rosse, gli azzurri non si fanno intimorire e creano varie occasioni da rete: prima con la punizione di Pirlo, poi con Cassano e un gran tiro al volo di Marchisio, anche se l’occasione più nitida è capitata sulla testa di Thiago Motta. La Spagna fraseggia molto, troppo e conclude poco.


Nel secondo tempo la prima occasione è per la Roja con Fabregas, ma un grande Buffon salva in tuffo.

L’Italia, però, non si spaventa. Balotelli, dopo aver rubato palla a Ramos, si addormenta davanti a Casillas e permette il recupero dello stesso difensore spagnolo. Il Ct Prandelli decide di sostituirlo con Di Natale: scelta azzeccatissima, perché l’attaccante dell’Udinese, su assist geniale di Pirlo, realizza il goal del vantaggio al 16′ del secondo tempo. La Spagna reagisce subito, trovando dopo tre minuti il pareggio con Fabregas, ben imbeccato da Silva.


L’Italia si spegne un po’, ma tiene bene il campo, anche se rischia moltissimo due volte, ma Torres, ormai l’ombra del giocatore che fu, sbaglia clamorosamente di fronte a Buffon entrambe le volte: prima si fa sottrarre il pallone dall’estremo difensore, poi sbaglia malamente il pallonetto sul portiere italiano in uscita

Gli azzurri, tra le due occasioni spagnole, erano andati vicini al raddoppio ancora con Di Natale, che in spaccata su assist del neo entrato Giovinco (per Cassano) non trova la porta.

L'articolo prosegue subito dopo


L’Italia porta a casa un pareggio che prima della vigilia sembrava una chimera. Da sottolineare l’ottima prova di De Rossi centrale, uno dei migliori della nostra Nazionale. Tra i peggiori, invece, Giaccherini e un irritante Balotelli, rimproverato anche da mister Prandelli.

Leggi anche

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*